menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reparti fatiscenti all'ospedale di Lanciano, la denuncia di Taglieri (M5S)

Per il vicepresidente della commissione Sanità le gravi carenze infrastrutturali e di strumentazione stanno condizionando le attività di endoscopia interventistica e gastroenterologia del Renzetti

Gravi carenze in alcuni reparti dell’ospedale “Renzetti” di Lanciano. A denunciare i disagi che stanno condizionando le attività nell'Unità Operativa Semplice Dipartimentale di endoscopia interventistica e gastroenterologia è il vicepresidente della Commissione Sanità, in quota M5S, Francesco Taglieri che chiede l’impegno di giunta regionale e Asl a sostengo del personale e degli utenti.

“Parliamo di una struttura fatiscente che versa in condizioni pessime, tra lesioni ai muri e infissi vecchi e mal funzionanti. L'assenza di un sistema di climatizzazione fa sì che si passi dal caldo insopportabile dell'estate al gelo dell'inverno, che rendono difficoltosi anche gli interventi più semplici. L'inadeguatezza delle strumentazioni messe a disposizione dei professionisti - continua Taglieri - fa poi emergere tutta la disorganizzazione dei vertici aziendali. Ci sono macchinari non rientrati in reparto dopo essere stati inviati in riparazione perché, si è scoperto in seguito, era scaduto il rispettivo contratto di affitto senza che fosse rinnovato. E non dimentichiamo che, per quanto la pianta organica sembri adesso essere tornata a un livello adeguato dopo gli enormi disagi vissuti nel periodo pre-Covid, molto presto si dovrà mettere nuovamente mano al personale, dal momento che un dottore è prossimo al pensionamento mentre un altro tornerà a svolgere attività al presidio di Atessa”. 

Come evidenzia Taglieri, i numeri degli ultimi anni certificano l'importanza strategica di questa Unità da circa 9mila prestazioni all'anno, tra cui 3mila ecografie, 4mila endoscopie e un ambulatorio che e' centro di riferimento per la celiachia.

“Sono dati che rendono bene l'idea di quanto l'area frentana e l'intero Abruzzo abbia bisogno di una Uosd che lavori al massimo delle proprie possibilità eppure – sottolinea - questa situazione di disagio prosegue, mentre la Giunta di centrodestra continua a propagandare un'efficienza dell'organizzazione del sistema sanitario regionale che, nei fatti, nessuno riesce a vedere".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento