rotate-mobile
Politica

Raddoppio ferrovia a Brecciarola, la sinistra teatina: "Marsilio distante dalle esigenze reali"

I consiglieri comunali Alberta Giannini, Edoardo Raimondi e Silvio Di Primio chiedono un quadro chiaro della situazione

"Il governo Marsilio ha dimostrato nuovamente di essere distante dalle esigenze reali dei territori abruzzesi. Le interlocuzioni istituzionali con i soggetti coinvolti nel progetto di potenziamento sono partite in netto ritardo, senza dar modo ai cittadini di avere un quadro chiaro della situazione".

A dirlo sono i consiglieri comunali Alberta Giannini, Edoardo Raimondi e Silvio Di Primio del gruppo consiliare de La Sinistra con Diego, aggiungendo che "solo grazie agli interventi di chi governa i territori in prima linea, con il nostro sindaco Diego Ferrara, si sono potuti programmare dei confronti certi con Rfi nel merito del progetto. Nella nostra città, poi, è previsto per il 31 gennaio un consiglio comunale straordinario ad hoc, in cui tutti potranno partecipare. Noi - continuano i consiglieri – non siamo affatto contrari a questo processo di modernizzazione della linea ferroviaria. Tuttavia, le comunità interessate da questo intervento – non ultima quella di Brecciarola – hanno il diritto di essere tutelate e ascoltate in maniera costruttiva. Cosa che, con questo governo regionale, sta avvenendo a cose quasi fatte e agli sgoccioli delle scadenze per la presentazione del progetto definitivo. La partecipazione democratica ai processi decisionali su temi così importanti come questo deve essere sempre garantita con trasparenza e serietà, date anche le giuste richieste di chiarimento che continuano ad arrivare dai territori, passando da Brecciarola e dalla zona di Chieti Scalo, per arrivare a San Giovanni Teatino e a Manoppello".

Gli esponenti della sinistra teatina sottolineano che "per tutte queste ragioni, esprimiamo pieno sostegno alle dichiarazioni in merito espresse qualche giorno fa dal capogruppo del Partito democratico teatino e consigliere provinciale Filippo Di Giovanni, che crediamo ben abbiano centrato la questione: noi, al contrario di chi vorrebbe decidere tutto dall’alto senza interessare e informare a tempo debito i cittadini, continueremo a porre attenzione ai bisogni e alle richieste della nostra comunità su sicurezza, garanzie di celeri indennizzi economici in riferimento alle abitazioni e ai terreni privati coinvolti nell’opera, tutela ambientale e delle risorse idriche (dato che il potenziamento della linea prevede, al di fuori della provincia teatina, anche ulteriori trafori montani con un inevitabile impatto sull’ambiente). Per tutte queste ragioni, saremo presenti attivamente in tutti i prossimi consigli e in tutte le iniziative in programma nei quartieri di Chieti per ascoltare e per raccogliere le richieste di persone che, quotidianamente, vivono il proprio territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio ferrovia a Brecciarola, la sinistra teatina: "Marsilio distante dalle esigenze reali"

ChietiToday è in caricamento