menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos raccolta rifiuti nei condomini, Giustizia Sociale interroga l'assessore sui permessi di Formula Ambiente

L'obiettivo è accertare se Formula Ambiente abbia avuto, negli anni passati e fino al 31 marzo 2017, formale autorizzazione da parte dell’amministrazione comunale ad effettuare il servizio di raccolta rifiuti all’interno delle proprietà private condominiali

Dopo l'interrogazione di Marzoli sulle nuove modalità di raccolta dei rifiuti da Formula Ambiente, anche il capogruppo di Giustizia Sociale Bruno Di Paolo presenta un'interrogazione a risposta orale all'assessore ai Rifiuti Alessandro Bevilacqua. 

L'obiettivo è accertare se Formula Ambiente abbia avuto, negli anni passati e fino al 31 marzo 2017, formale autorizzazione da parte dell’amministrazione comunale ad effettuare il servizio di raccolta rifiuti all’interno delle proprietà private condominiali e, soprattutto, se tale servizio, in deroga a quanto previsto dal vigente regolamento comunale per la disciplina della gestione dei rifiuti urbani e assimilati, è stato fornito ai cittadini gratuitamente o ha avuto un costo per la collettività teatina. 

In particolare, su impulso della interrogazione, l'assessore Bevilacqua dovrà chiarire "se l’amministrazione comunale ha mai concesso autorizzazioni a Formula Ambiente ad effettuare il servizio di raccolta rifiuti all’interno delle aree condominiali, in deroga a quanto previsto dal vigente regolamento comunale per la disciplina della gestione dei rifiuti urbani e assimilati; se l’amministrazione comunale è a conoscenza di eventuali accordi tra Formula Ambiente e privati cittadini per la definizione di un servizio aggiuntivo rispetto a quanto disciplinato dal regolamento comunale in materia di raccolta rifiuti; se Formula Ambiente ha rimesso all’amministrazione comunale eventuali fatture per il servizio  aggiuntivo di raccolta rifiuti all’interno delle aree condominiali, specificando, nel caso, l’importo e il capitolo d’imputazione di spesa". 

“Sarà estremamente interessante – dichiara il responsabile di Giustizia Sociale per le attività culturali e artistiche Gianni Totino - apprendere direttamente dall’assessore Bevilacqua, se i manifestini apparsi in città, con la comunicazione che dal 1° sprile non sarà più effettuata la raccolta rifiuti all’interno delle aree condominiali, sono espressione di  una iniziativa unilaterale di Formula Ambiente che non vuole più fornire un servizio gratuito, o, al contrario, una decisione imposta dall’amministrazione comunale a seguito di rivalse economiche da parte del gestore  per un servizio extracontrattuale effettuato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento