Mercoledì, 12 Maggio 2021
Politica

Apertura Primark, Riccardo (Chieti Viva): "Collaborare con Megalò per portare presenze in città"

Le proposte del consigliere, che invita a non fare la guerra al "principale attrattore economico cittadino", bensì avviare un percorso di condividere i benefici

L'apertura di Primark al centro commerciale Megalò ha fatto storcere il naso a tanti, che accusano la grande distribuzione di aver inferto il colpo fatale all'economia cittadina. 

Ma il consigliere comunale di Chieti Viva Giampiero Riccardo invita l'amministrazione e i suoi concittadini a guardarla diversamente, "sfruttando" piuttosto l'attrattiva del centro commerciale, frequentato ogni anno da migliaia di persone, per riuscire a portare una parte di quelle visite anche a Chieti e in particolare in centro storico.

"In una città che arranca e che non vede investimenti significativi da un decennio - commenta Riccardo - Megalò non solo continua a funzionare ma cresce nonostante la crisi economica e la concorrenza globale dell'e-commerce. Eppure per una parte di Chieti, Megalò viene indicato come una sciagura economica e soprattutto la principale causa della desertificazione commerciale del colle. Sia chiaro, quando Megalò veniva autorizzato e costruito io come tutti i miei coetanei andavo ancora a scuola, ed ignoravo che quasi 15 anni dopo sarei stato chiamato a rappresentare i miei concittadini in consiglio comunale". 

Ma, oggi che siede sui banchi consiliari, Riccardo invita: "Continuare a guardare con ostracismo Megalò non ha portato grandi risultati. Forse è arrivato il momento di sedersi e riconoscere, nel bene e nel male, a Megalò il ruolo di principale attrattore economico cittadino. Una legittimazione propedeutica alla collaborazione e condivisione dei benefici anche per Chieti".

Tra le proposte avanzate, c'è quella di far diventare il Supercinema una sala cinematografica collegata a Movieland, il multisala del centro di Santa Filomena. O, ancora, fare in modo che Megalò diventi partner delle piccole società sportive cittadine rimaste senza sponsor a causa della pandemia. Infine, riuscire a utilizzare il centro commerciale come vetrina per la promozione del patrimonio artistico, culturale, storico e museale cittadino. 

"Resto convinto - conclude - che proprio non aver governato la convivenza sia stato il vero errore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apertura Primark, Riccardo (Chieti Viva): "Collaborare con Megalò per portare presenze in città"

ChietiToday è in caricamento