rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica Ortona

Punti Nascita, Febbo: "Lorenzin smonta le bugie di D’Alfonso e Paolucci"

Febbo: secondo quanto riferito dal Ministro, emerge come in alcuni casi sia possibile derogare alla quota di 500 parti l'anno. Oggi in piazza a Ortona nuova manifestazione

“Il ministro Lorenzin sbugiarda sonoramente e senza appello D’Alfonso e Paolucci spiegando che la Legge prevede delle deroghe alla chiusura dei Punti nascita”. E’ quanto dichiara il Presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo .

"In base alle dichiarazioni della Lorenzin -spiega - infatti emerge come in alcuni casi sia possibile derogare alla quota di 500 parti l’anno, fermo restando il discorso della sicurezza sul quale il Ministero è giustamente intransigente. Questa prospettiva significa tenere una porta aperta per Sulmona e Penne visto che Ortona e Atri vantano gli appropriati requisiti. La cosa che preoccupa oltremodo – aggiunge Febbo – è il fatto che lo stesso Ministro abbia anticipato un prossimo incontro con D’Alfonso proprio per parlare della struttura di Sulmona. A parte che sarebbe la prima volta che si concretizza uno spot di “Lucianovunque”, non possiamo accettare che il Presidente e Commissario ad acta si impegni per salvaguardare un solo Punto nascita: è suo preciso dovere, visto che a differenza di quanto va dicendo, ci sono ampi margini di discussione, lavorare per evitare anche le altre chiusure perché non ci sono abruzzesi di seria A e abruzzesi di serie B”. 

Febbo annuncia che in occasione del prossimo Consiglio regionale l'opposizione ripresenterà una risoluzione urgente per chiedere la sospensione degli effetti del Decreto commissariale n.10 che stabilisce la chiusura dei 4 Punti nascita.

Oggi intanto a Ortona è stata organizzata un'altra manifestazione a difesa del Punto Nascita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punti Nascita, Febbo: "Lorenzin smonta le bugie di D’Alfonso e Paolucci"

ChietiToday è in caricamento