Politica

Provincia: il 2013 secondo le opposizioni

Opere pubbliche, scuola, dissesto. I gruppi consiliari di centrosinistra analizzano il 2013, "l'anno della crisi e della consapevolezza" e avanzano proposte per il 2014

“E’ stato l’anno della consapevolezza” così i gruppi consiliari di opposizione in Provincia (Pd, Idv, Sel e Federazione della Sinistra) definiscono il 2013.

Ieri mattina in conferenza stampail punto su ciò che è stato fatto dall’amministrazione di centrodestra e ciò che ancora c’è da fare.

A cominciare dalle opere pubbliche,  in riferimento alle quali l’opposizione ha evidenziato gli ulteriori ritardi prodotti nell’attuazione della vecchia pianificazione lasciata in eredità.”Sono vistosamente mancati interventi diretti e/o delegati come iniziative strutturali ed infrastrutturali finanziati dalla Regione Abruzzo – si è detto - non si è provveduto a sanare le emergenze sulla viabilità per ridare dignità alle zone interne, come per la Provinciale 152 Castiglione Montazzoli e la galleria Civita, abbiamo perso il giro d’Italia a causa dell’inaffidabilità delle scelte politiche e delle condizioni poco sicure delle nostre strade.

Calma piatta che su turismo e sociale, a detta delle opposizioni, che attendono il regolamento per le “pari opportunità” annunciato ma mai discusso e approvato.

Discorso a parte per il settore scuola, “nel quale evidenziamo come l’assessore abbia presentato un piano delle dirigenze e dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2014/2015 che il consiglio provinciale ha rivisto e riscritto in ragione della mancanza della previsione del mantenimento delle peculiarità formative del nostro territorio già deliberate nel 2011 e confermate nel 2012. Per noi al centro di ogni pianificazione resta il vivo interesse formativo dello studente non certo quello dei Dirigenti scolastici o di qualche Sindaco amico e di parte”.

Tanto è stato detto anche sulla situazione finanziaria e di bilancio: questo è stato infatti l’anno del riconoscimento per la Provincia di Chieti quale “ente strutturalmente deficitario” che ha consentito alla Provincia di accedere all’apposito prestito per evitare il default.

Questi i suggerimenti di Pd, Idv, Sel e Federazione della Sinistra per il nuovo anno: "Nuova pianificazione delle opere pubbliche 2014/2016 che raccolga tutte le proposte presentate in quella precedente che abbia avuto il parere positivo degli uffici tecnici e  della commissione consiliare; presentazione del bilancio di previsione del 2014;  costituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina; avvio del tavolo tecnico per la costituzione dell’accordo di programma per l’area industriale della Valsinello di Gissi; apertura delle procedure per la fusione dei patti territoriali preesistenti per la costituzione di un agenzia provinciale per lo sviluppo e di un tavolo con la regione Abruzzo per ridefinire strategie e priorità dello sviluppo del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia: il 2013 secondo le opposizioni

ChietiToday è in caricamento