rotate-mobile
Politica

Province, D'Amico: "Saremo attenti anche se il nostro mandato finisce"

L'opposizione commenta in una nota i contenuti del DDL Del Rio

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

I contenuti del DDL Del Rio, che disegna nuove funzioni per le Province facendole diventare enti di secondo livello che saranno amministrate dai Sindaci del territorio senza elezione diretta dei cittadini, non ci piace perché è stata una scelta fatta al di fuori di un contesto più ampio e partecipato che coinvolgesse anche altri livelli istituzionali oltre a ridisegnare o sopprimere una gran mole di enti e consorzi la cui utilità è tutta da dimostrare.

Ma tant’è!!!

Un altro aspetto che non condividiamo è che siano prorogati Presidenti e giunte pro – tempori non  certo i consigli che sono espressioni dirette del voto democratico dei cittadini; così lo sarà sino a fine anno salvo proroghe sempre eventuali.

In Italia il provvisorio spesso diventa definitivo.

Condividiamo l’appello fatto dai Presidenti delle province Abruzzesi a far sì che anche altri rappresentanti istituzionali si riducano le costose prebende di cui godono perché sarebbe un segnale di sobrietà di cui i cittadini ne apprezzerebbero moltissimo la concretezza in un momento in cui la crisi economica e sociale ha toccato picchi allarmanti.

Noi saremo formalmente fuori dall’istituzione alla naturale scadenza che coinciderà con la data di proclamazione degli eletti ma assicuriamo che continueremo a vigilare attentamente affinchè la giunta ed il presidente procedano correttamente nella gestione dell’ente portando avanti i progetti avviati, garantendo i servizi con normalità ed efficenza, adottino una tassazione sobria, una spesa corretta e trasparente, una comunicazione concreta.

Lo faremo con passione e cocciutaggine come ci è solito.

Lo faremo gratuitamente e con la dedizione di sempre, concertando e condividendo son i Sindaci e gli amministratori locali, perché amiamo fare la politica che intendiamo come servizio alla collettività e rifuggiamo da tentazioni che la facciano diventare un mero mestiere.  

Questa è stata la missione del gruppo del P.D. in provincia di Chieti in questi anni di dura opposizione ad una giunta ed un amministrazione assente verso i problemi reali del territorio, incapace di saper spendere le risorse che ha avuto a disposizione, politicamente debole nell’interpretare bisogni ed esigenze della gente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Province, D'Amico: "Saremo attenti anche se il nostro mandato finisce"

ChietiToday è in caricamento