menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Project financing, Marcozzi "L'ostinazione cieca della maggioranza costerà milioni di euro agli abruzzesi"

Il commento del capogruppo M5S, dopo aver appreso le dichiarazioni rilasciate dall'assessore alla Sanità Paolucci

“La Regione del presidente D'Alfonso si ostina nel vedere come unica soluzione per la costruzione del nuovo ospedale di Chieti il ricorso alla procedura Project Financing. Un’ostinazione che farebbe sorridere se non ci fossero in ballo centinaia di milioni di euro, soldi dei cittadini. Sono molti i reparti trasferiti a seguito alle ultime scosse di terremoto, il presidente D'Alfonso faccia valere le ragioni economiche dei nostri territori e chieda a Gentiloni provvedimenti e fondi ad hoc per la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare sanitario”. E’ questo il commento di Sara Marcozzi, capogruppo M5S, dopo aver appreso le parole rilasciate a mezzo stampa dall’assessore alla Sanità Paolucci sull'esigenza di intervenire sull'opsedale di Chieti..


Il M5S da oltre un anno sta chiedendo alla Regione Abruzzo di evitare di utilizzare la formula project financing per la costruzione del nuovo ospedale di Chieti. "Non mi stancherò mai di ripetere che il nostro non è un no al nuovo ospedale - ribadisce Marcozzi - ma un no alla procedura. Carte alla mano, abbiamo dimostrato come questa scelta costerà agli abruzzesi milioni e milioni di euro in più rispetto ad altre forme di finanziamento utilizzabili per la realizzazione nuova struttura. Abbiamo indicato un percorso alternativo e meno oneroso per le tasche dei cittadini: il ricorso a  Cassa Depositi e Prestiti ma, evidentemente, la Regione a guida PD preferisce sperperare il denaro pubblico. Persino il centrodestra, benché la proposta di PF sia stata recepita dall'Abruzzo durante il governo Chiodi, si è convinto delle nostre argomentazioni unendosi alla battaglia contro lo stesso. Non si comprende l'ostinazione per il ricorso a questa modalità di finanziamento, che è stata bocciata anche dalla stessa Asl di Chieti, dalla Corte dei Conti Sarda e Veneta oltre ad aver letteralmente affossato il bilancio di Regione Veneto. Un ospedale - commenta ancora Marcozzi - che ci viene raccontato a "costo zero" ma che invece costerà caro agli abruzzesi a causa dell'aggravio di spese dovuto ai profitti da garantire ai privati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento