"Post politici rilanciati dai profili della Asl": sotto accusa l'account Twitter del direttore generale

Discussa in consiglio regionale l'interpellanza di Taglieri (Movimento 5 stelle) e il presidente dell'assemblea Sospiri si impegna inviare una segnalazione

Il profilo Twitter del direttore Asl

I profili social del direttore generale della Asl, Thomas Schael, e in particolare quello Twitter, finiscono all'attenzione della Regione. Gli account erano finiti sotto accusa per un'interpellanza presentata dal consigliere regionale del Movimento 5 stelle Francesco Taglieri, che aveva giudicato spregiudicato l'uso dei social da parte del manager. 

In particolare, il pentastellato contesta le "ichiarazioni pubbliche e sui social per fare valutazioni di natura prettamente politica: dagli attacchi a consiglieri regionali di opposizione e altre istituzioni, puntualmente di un colore politico diverso rispetto a quello della giunta regionale di centrodestra, allo scaricare sulla vecchia amministrazione le inefficienze attuali del sistema sanitario, fuggendo dalle proprie responsabilità. In particolar modo, stupisce l’utilizzo quasi compulsivo di Twitter con cui si lancia in pareri e attacchi personali francamente inaccettabili per chi ha il dovere di svolgere un ruolo tecnico e di garanzia per tutti i cittadini della provincia di Chieti".

Più che sull'uso del profilo personale di Schael, Taglieri punta il dito contro gli account riconducibili all'azienda sanitaria usati, accusa, "per rilanciare i post di varia natura del suo profilo personale. I profili di un’azienda sanitaria dovrebbero offrire una funzione di servizio, non certo di dibattito politico. Persino lo stesso presidente Sospiri in sede di discussione ha appoggiato le mie rimostranze all’assessore Verì. Un atteggiamento, quindi, ritenuto oggettivamente grave a cui l’assessore non ha saputo offrire una giustificazione, limitandosi ad assicurare che la questione sarà affrontata nelle prossime riunioni con la dirigenza Asl". 

Il consigliere regionale invita il direttore a occuparsi del "lavoro ordinario sulla gestione della sanità territoriale, garantendo il più alto livello di competenza e di risultati possibili. Sotto questo punto di vista, ritengo che la gestione di Schael della Asl 02 è stata pressoché fallimentare. I risultati per quello che riguarda lo snellimento delle liste di attesa, la prevenzione o la trasparenza, sembrano essere molto lontani dalla sufficienza. Senza considerare poi l’enorme confusione generata durante l’emergenza Covid. Meno social e più attenzione alla funzione di servizio della comunicazione della Asl potrebbe essere una buona cura. Ci auguriamo che i cittadini che seguono i profili della Asl possano finalmente ricevere un servizio utile e di informazione come una pagina istituzionale dell’azienda sanitaria locale dovrebbe fare", conclude Taglieri. 

Il presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, si è impegnato a inviare una segnalazione, invitando il direttore del dipartimento sanita' della Regione Abruzzo Claudio D'Amario ad approfondire, con l'assessore alla Sanità Nicoletta Verì, che assicura che l'argomento sarà portato al tavolo della cabina di regia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento