menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presepe Vivente, la polemica diventa tutta politica: botta e risposta tra destra e sinistra

Dopo le critiche sollevate da Forza Nuova in merito alla presenza di una Madonna di colore e di un Gesù di sesso femminile interviene il Fronte della Gioventù Comunista di Chieti. La controreplica di Arianna Spinelli

Continua la polemica, sempre più politica, sulla rappresentazione del Presepe Vivente nel rione Civitella. Dopo le polemiche sollevate da Forza Nuova in merito alla presenza di una Madonna di colore e di un Gesù di sesso femminile interviene il Fronte della Gioventù Comunista di Chieti, che afferma:

"In queste settimane di vacanze natalizie l’ennesimo “scandalo” ha scatenato i bollori della cittadinanza teatina; il problema è stato generato dalla scelta del comune di Chieti di far rappresentare Maria, Gesù e S. Giuseppe (nel consueto presepio vivente) a una bambina e a una madre di origini nigeriane. La questione però non può e non deve ridursi in un insulso gioco antropologico e storiografico; la signora nigeriana che interpreta Maria, infatti, è stata strappata dal racket della prostituzione (vi ricorda qualcuno? Forse Maddalena?) e S. Giuseppe è interpretato da un ragazzo italiano uscito dal mortale tunnel della tossicodipendenza. Quale messaggio migliore può dare un presepe? Quale augurio può essere più toccante di una “rinascita”? Noi non siamo credenti, tra di noi ci sono ragazzi atei e ragazzi agnostici; ma secondo noi questo presepe dovrebbe diventare un orgoglio della città di Chieti: uno dei pochi presepi cristiani d’Italia. Gli ultimi saranno i primi, ricordate?".

Contreplica di Arianna Spinelli, responsabile di Forza Nuova Chieti, secondo cui "non è solo la Madonna nera ad essere certamente fuori luogo, ma lo è sicuramente conferire il sesso femminile al Bambino Gesù. Comunque sarà il popolo teatino a trarre le conclusioni su questa vicenda. Chiudiamo infine rivolgendoci a chi lucra sulla gestione degli immigrati, ammantando la loro opera di buoni propositi ribadendo il nostro augurio: buon appetito, finché potete".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento