Passata l'emergenza, è ancora impossibile prenotare visite o prestazioni sanitarie nella Asl di Chieti

I consiglieri di opposizione Febo e Zappalorto tornano a chiedere un consiglio straordinario sulla sanità teatina

Visite mediche e prestazioni sanitarie già programmate sospese fino a data da destinarsi, impossibilità di prenotarne di nuove nelle strutture della Asl Lanciano Vasto Chieti o, al momento, di sapere quando sarà possibile effettuare quelle saltate durante il lockdown. Così, inevitabilmente, le liste di attesa si allungano e i ritardi si accavalleranno peggiorando la situazione. 

Proprio per questa situazione, i consiglieri comunali teatini Luigi Febo e Chiara Zappalorto, capigruppo di Chieti per Chieti e Partito Democratico, tornano a chiedere di organizzare un consiglio straordinario sulla sanità "che metta finalmente - dicono - un punto fermo sul destino dell'assistenza sanitaria sulla città di Chieti e della sua provincia". 

"Come fatto rilevare da diversi pazienti che hanno provato a prenotare varie e diverse visite o esami di routine, e come sollevato dal consigliere dottor Diego Ferrara, in qualità di medico di famiglia, in seno al consiglio comunale sulla sanità delle scorso maggio - dicono Febo e Zappalorto -  le prestazioni sanitarie sono ancora soggette alle regole di priorità breve che impongono ai medici di famiglia di poter prescrivere solo le urgenze, con evidente nocumento dello stato di salute generale soprattutto dei cosiddetti pazienti cronici".

"Accade quindi che gli sportelli Cup, come pure gli operatori addetti al servizio, siano oberati di richieste che loro malgrado non possono soddisfare ed ottemperare, secondo noi per probabile mancanza di disposizioni e gestione efficiente del servizio da parte di chi dovrebbe e potrebbe facilmente mettere ordine e porre rimedio al problema", incalzano.

Per questo, invocano l'intervento dell'assessore alla Sanità Nicoletta Verì "per fare chiarezza su quanto accade nella città di Chieti e nell’azienda sanitaria di riferimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento