menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La consigliera Serena Pompilio

La consigliera Serena Pompilio

Scricchiola la maggioranza alla vigilia del predissesto, Azione Politica: "Rimasti soli a rispettare il programma elettorale"

La consigliera Pompilio, come già fatto in commissione, ha spiegato che non voterà il piano di rientro finanziario, né gli atti prodromici

Alla vigilia del consiglio comunale più importante, quello di domani, in cui si voterà il piano di riequilibrio finanziario, la maggioranza è scossa da venti di tempesta. Un clima già emerso stamani in commissione Bilancio, quando la consigliera di Azione Politica Serena Pompilio ha votato contro il ritocco delle aliquote Imu e lo stesso piano di rientro.

Una frattura resa ancora più evidente quando, nella conferenza stampa successiva sulla presentazione del piano, alla presenza dell'intera maggioranza, si è fatta notare più l'assenza della stessa Pompilio, che ora, insieme al gruppo politico, fa chiarezza e non lesina toni forti, come già accaduto in altre occasioni nei mesi scorsi. 

Lo scorso martedì, in una riunione, il gruppo ha deciso di non votare, oltre al piano di riequilibrio, gli atti prodromici. "Abbiamo chiesto all’amministrazione - spiega Azione Politica - di poter partecipare sia alla fase di ricognizione dei residui attivi e passivi sia di poter dare il nostro contributo alla stesura del piano ricevendo in cambio grande disponibilita? a parole, ma nessun riscontro in concreto. Avevamo indicato almeno quattro pilastri su cui il piano doveva reggersi: un aumento delle entrate; una riduzione dei costi che non riguardasse il livello occupazionale dell’ente, gia? palesemente carente e che, anzi, necessita di un significativo incremento; un pesante intervento sulla capacita? di riscossione dell’ente e, solo nell’eventualita? in cui le tre predette misure fossero state insufficienti, un aumento dei tributi e delle tariffe. Inutile dire che di interventi di tale tenore non vi e? alcuna traccia nel piano di riequilibrio, che si fonda su basi diametralmente opposte a quelle da noi auspicate, ovvero l’aumento enorme dei tributi e delle tariffe, la dismissione del patrimonio immobiliare del comune ed i tagli al sociale".

Proprio sui tagli al sociale, il sindaco Diego Ferrara, nella conferenza stampa di presentazione del piano, ha tenuto a fare chiarezza, parlando anzi di un "potenziamento dei servizi soprattutto sociali. Sottolineo rispetto ad eventuali timori - ha poi aggiunto - che questi sforzi non diminuiranno la nostra attenzione e la nostra opera al sociale e alla ripresa che dovrà seguire la pandemia". Un messaggio indiretto, ma abbastanza esplicito, all'alleato "ribelle". 

Azione Politica, infatti, taccia come "inaccettabile la volonta? dell’amministrazione di revocare l’affidamento degli asili nido alla Chieti Solidale, con la prospettive di affidarne successivamente la gestione a soggetti privati; la nostra citta? e? ormai prossima a scendere sotto il numero delle cinquantamila unita? ed il fenomeno dell’esodo delle famiglie giovani verso i paesi viciniori e? ben noto. Il servizio di asilo nido, unitamente al piano di rilancio cittadino, doveva essere strategico per arrestare questo fenomeno e far si? che le nostre vie tornassero ad essere frequentate da cittadini, cosi? da generare i tanto auspicati benefici di carattere sociale ed economico di cui la nostra citta? ed i suoi esercenti hanno tanto bisogno. Tale aspetto, per noi centrale, era stato condiviso in campagna elettorale tanto dal sindaco Ferrara quanto dalla componente civica ma, anche in questo caso, dobbiamo prendere atto che le belle parole spese allora erano vuote ed esclusivamente finalizzate ad ottenere il consenso elettorale".

Sul fronte della riscossione, Azione Politica aveva chiesto "di attribuire una delega specifica alla riscossione ad un assessore o a un consigliere, proprio al fine di creare una competenza dedicata ad un punto nodale: ad oggi la Teateservizi ha una capacita? di incasso dei tributi pari a circa il 70% e, senza mettere mano a questo dato, nessun piano di riequilibrio e? destinato ad avere successo. Abbiamo chiesto di potenziare l’organico dei funzionari responsabili per la riscossione ottenendo in cambio, anche in questo caso, un fragoroso silenzio".

Sul fronte della riscossione, il presidente del consiglio comunale Luigi Febo ha spiegato che l'amministrazione ha affidato a una società esterna il compito di preparare una relazione "pronta per metà maggio" sulle due partecipate, per poi avviare un piano per tamponare un problema diventato cronico. 

Ma Azione Politica incalza: "Siamo molto dispiaciuti dell’occasione persa dalla attuale amministrazione, perche? vi era la possibilita? di lasciare alla citta? una riforma che migliorasse l’efficacia e l’efficienza dell’ente e delle sue partecipate. Invece, dobbiamo prendere atto che, con il piano di riequilibrio, sono state fatte scelte semplicistiche che rischiano di condannare definitivamente la citta? ad un declino perpetuo. Tali scelte, inoltre, si discostano dal mandato elettorale chiaro ed inequivocabile che la citta? aveva dato a delle forze che si erano proposte in forte discontinuita? con la precedente amministrazione: Azione Politica, con questa sofferta decisione, resta fedele a quel mandato accorgendosi, purtroppo, di essere rimasta sola a portare avanti il programma elettorale premiato dai cittadini. Un esponente di maggioranza, nella scorsa seduta della commissione bilancio, ha detto che i provvedimenti che ci si accinge a votare sono in linea con quelli con cui la precedente amministrazione aveva cominciato a porre rimedio alla grave crisi economica finanziaria dell’ente: ecco, e? esattamente questo il principio che contestiamo. Se si doveva proseguire sul solco tracciato nel passato si poteva anche confermare l’amministrazione uscente. Una cosa deve essere pero? chiara: le responsabilita? di chi ha generato l’attuale situazione dell’ente sono chiare e la citta?, con il suo voto, ha dimostrato di averne piena contezza. Da oggi, pero?, deve essere altrettanto chiara la responsabilita? di chi si e? proposto quale depositario delle soluzioni alle problematiche cittadine e che quindi non puo? piu? trincerarsi dietro l’alibi dei debiti per esimersi da esse: e? arrivato il giorno in cui la maggioranza smetta quindi di fare l’opposizione e cominci a comportarsi responsabilmente da maggioranza iniziando a mettere in pratica la sua visione, la sua idea di citta?, se ne possiede una", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: oggi 196 nuovi positivi e 441 guariti in Abruzzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento