rotate-mobile
Politica

Aiuti alle persone in difficoltà, Costa (Forza Chieti): "Silvio Di Primio come l'azzeccagarbugli"

Critiche al consigliere di maggioranza che aveva polemizzato sugli aiuti della polizia municipale in favore di una donna teatina in difficoltà economica

"Il consigliere comunale Di Primio si prenda le sue responsabilità invece di attribuire responsabilità alla vecchia amministrazione, dopo 14 mesi di una gestione disastrosa". Il consigliere di Forza Chieti, Maurizio Costa interviene sulla questione degli aiuti offerti dalla polizia municipale a favore di una donna teatina in difficoltà economica e malata. Una modalità di intervento che non è piaciuta a Silvio Di Primio (La sinistra con Diego) contrario a "elemosine e collette".

"Il vicecomandante della polizia municipale - dice Costa - ha raccolto fondi per aiutare una signora, sola e povera. Di poveri da aiutare, purtroppo, ce ne sono sempre di più, specie fra le donne madri, le vedove, le anziane che per anni hanno lavorato in nero. Nessuna istituzione pubblica potrà mai far fronte a tanto disagio. Di certo non lo potrà mai fare il Comune di Chieti, in primo luogo per le poche risorse economiche di cui dispone. Ma ci sono anche ragioni che fanno capo direttamente e colpevolmente all'amministrazione comunale: innazitutto con la decisone di dar vita alla società Chieti Solidale il Comune ha scelto di delegare quasi la totalità dei propri servizi ad un ente rispetto al quale non effettua nessun controllo di qualità o di effficienza".

Secondo il consigliere di minoranza a questo aggiunge il fatto che "è stato trasferito per ragioni poco chiare il qualificato responsabile a suo tempo asssegnato ai servizi sociali ed alla casa, si è scelto di affidare il servizio ad un funzionario del tutto inesperto, per altro sovraccaricato della responsabilità dell'ufficio casa e dell'anagrafe. Non deve sorprendere se da un anno non viene convocata la commissione casa, se le assegnazioni degli alloggi sono ridotte al lumicino, se l'ufficio casa è spesso chiuso al pubblico. Nè deve sorprendere se progetti, pur finanziati (vedi il cohousing) rimangono impantanati per mesi".

Per Costa "di fronte a tale inefficienza il consigliere Silvio Di Primio ha scelto di difendere l'assessorato a prescindere (come direbbe Totò), evocando astruse sigle ed intenzioni che servono solo a rievocare la figura dell'azzeccagarbugli. Grazie vicecomandate, grazie per quello che ha fatto. Grazie anche a nome della povera signora, che senza la solidarietà concreta di chi l'ha aiuatta avrebbe festeggiato il Natale con le chiacchiere di chi parla per sentire il piacevole suono delle proprie inutili ed faziose parole".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aiuti alle persone in difficoltà, Costa (Forza Chieti): "Silvio Di Primio come l'azzeccagarbugli"

ChietiToday è in caricamento