Politica Chieti Scalo / Piazza Carafa

Piazza Carafa, no al cemento: 1000 firme contro la riqualificazione

Il Comitato Chieti Scalo Centrochiede al sindaco Di Primio di fermare i lavori: "Così emergono i palazzoni e si riducono gli spazi verdi, il cemento sarà ancora una volta padrone della città"

Mentre è stata inaugurata la nuova sede della delegazione comunale in piazza Carafa, il Comitato di Quartiere “Chieti Scalo Centro”  supera il traguardo delle 1000 firme contro la riqualificazione avviata dall’amministrazione comunale sulla stessa.

“Stiamo continuando l’informazione affiancando la raccolta firme a supporto di un documento che chiede al sindaco Di Primio di fermare i lavori e di ripensare per bene alla reale necessità di continuare ad ingolfare ulteriormente un quartiere che sta soffrendo di sovraffollamento, di traffico, di mancanza di posti auto e di microcriminalità” sottolinea il portavoce Roberto Di Monte.

Il Comitato critica anche l’organizzazione degli uffici comunali, che nelle scorse settimane ha ignorato tre diverse richieste di suolo pubblico in piazzale Marconi e in via Lanciano, per continuare la raccolta firme e informare i cittadini.Le firme raccolte però la dicono lunga sull’opinione che hanno diversi cittadini in merito al progetto di riqualificazione del quartiere, “che vorrebbe realizzati  una palazzina di 6 piani al posto del vecchio ufficio postale e altre due palazzine di 5 piani l’una nell’edificio di fianco. Il tutto – chiude Di Monte - senza una soluzione risolutiva della viabilità e riducendo gli spazi verdi”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Carafa, no al cemento: 1000 firme contro la riqualificazione

ChietiToday è in caricamento