Politica

Piano Neve, il Pd: le risorse possono uscire dalla rivisitazione dei debiti

Il capogruppo D'Amico: "Le risorse per garantire il piano neve possono uscire dalla rivisitazione dei debiti residui e chiedendo con forza a regione e governo nazionale fondi allo scopo"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

“Il grido d’allarme lanciato dal presidente della provincia Enrico Di Giuseppantonio sulla difficoltà a trovare risorse finanziarie per un efficace piano neve non ci lascia indifferenti. Il fatto che la provincia si troverà di fronte al rischio di chiuderle le strade piuttosto che pulirle e renderle transitabili è più mai che vero. La competenza della manutenzione delle strade, oltre che delle scuole ed il coordinamento in materia urbanistica, ambientale e di trasporto pubblico locale, saranno le funzioni ancora previste in capo alle nuove province dopo il processo di riordino. L’inverno che verrà sarà un primo utile banco di prova concreta sul campo sempre che ce ne sarà data prova e conferma da governo e parlamento. Ad ogni buon conto è utile l’appello fatto al prefetto, perché se ne faccia carico vero il governo solo dedito a tagli ingenerosi vero gli enti locali, ma anche l’ente può trovare delle risorse finanziarie proprie recuperandole dalla notevole mole dei residui passivi iscritti in bilancio ed allo stato inutilizzabili. Da una nostra attenta ed approfondita verifica si potrebbe addirittura prevedere il superamento dello stato di pre – disseto in cui la provincia si trova da diversi anni e sulla cui natura molta responsabilità la porta l’attuale maggioranza di centro –destra a guida Udc. I primi risultati sulla verifica in corso dei residui attivi e passivi, a cura dell’apposita commissione tecnico – politica attivata allo scopo, oltre che fornire positive indicazioni su un recupero di somme da poter impegnare e spendere successivamente ha palesato anche qualche furba leggerezza, in termini di spesa allegra, di  qualche importante assessore della giunta Di Giuseppantonio. Ovviamente se, nel frattempo, si desse corso a spendere presto e bene i fondi da anni pronti e disponibili nelle opere viarie ed infrastrutturali la nostra provincia, oltre che avere entrambi i requisiti dalla spending review, troverebbe solidarietà concreta tra sindaci, amministratori e cittadini nell’utile e necessario tentativo di sopravvivere a se stessa e non essere facile preda di chi la vuole facilmente veder soccombere alle prepotenze altrui”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano Neve, il Pd: le risorse possono uscire dalla rivisitazione dei debiti

ChietiToday è in caricamento