menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sono illegittimi i bandi per la nomina di direttore sanitario e amministrativo della Asl"

La denuncia del capogruppo del Partito Democratico Paolucci, che invoca l'arrivo degli ispettori ministeriali

"La maggioranza di centrodestra si avvia a produrre altri atti illegittimi per definire le postazioni di direttore sanitario e amministrativo alle Asl di Chieti e L'Aquila: le procedure partono pesantemente in ritardo e già viziate, perché fuori dall'iter che prevede la legge vigente". La denuncia arriva dal capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale Silvio Paolucci, che contesta la delibera approvata lo scorso 9 gennaio. 

L'esponente dem invoca l'arrivo degli ispettori ministeriali, "per capire cosa sta accadendo e perché le Asl stanno adottando un percorso che è palesemente extra lege, avendo invece applicato la normativa in modo corretto per la nomina del direttore sanitario della Asl di Pescara e di L'Aquila, solo qualche mese fa".

Paolucci annuncia un'interpellanza al presidente Marco Marsilio su quello che definisce "l'ennesimo pasticcio". 

"Per la costituzione degli elenchi regionali propedeutici alla nomina dei due profili dirigenziali di Chieti e L'Aquila per cui oggi questa maggioranza avvia le procedure pubbliche - dice - non bisogna fare altro che applicare la legge. Non essendo stati definiti con accordo in sede di Conferenza Stato-Regioni gli specifici criteri di valutazione dei titoli formativi e professionali, scientifici e di carriera da indicare nell'avviso pubblico, infatti, la Regione o attinge a elenchi di altre regioni, oppure dovrà applicare le procedure previste dal decreto legislativo 502/1992. Sperperare risorse per fare avvisi pubblici finalizzati a formare elenchi regionali che non avranno efficacia alcuna è da irresponsabili. Non si può fare di testa propria come stanno facendo Marsilio e i suoi e non solo in sanità: i due bandi in questione non avranno futuro, perché ciò che ne consegue risulta inevitabilmente in contrasto con le disposizioni statali vigenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento