rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Politica

Paolucci attacca Marsilio sui fondi per l’edilizia sanitaria: “Prende in giro Chieti promettendo interventi senza copertura"

"La delibera con cui fa campagna elettorale è solo di indirizzo" accusa il capogruppo del Pd in Regione dopo gli ultimi annunci del governatore

“Quattro anni di chiacchiere e propaganda, l’unica cosa concreta che Marsilio ha fatto per la città di Chieti e i presidi sanitari del suo territorio è stato tagliare reparti, risorse e depotenziare eccellenze e l’importanza dell’ospedale clinicizzato di Colle dell’Ara".  L'accusa arriva dal capogruppo Pd in consiglio regionale Silvio Paolucci che annuncia un’interpellanza sull’argomento e l’accesso agli atti su tutta la programmazione inerente l’edilizia sanitaria in Abruzzo. Nei giorni scorsi è stata annunciata la reingegnerizzazione del presidio ospedaliero di Chieti.

"L’atto presentato - afferma Paolucci - non è operativo, è un documento solo programmatico e le risorse di cui ha parlato sono virtuali, come lo sono i tempi in cui ciò accadrà, come chiaramente dice la delibera che lui stesso ha firmato, affermando che “il presente provvedimento risulta di natura esclusivamente programmatoria e che alla iscrizione in bilancio delle risorse di che trattasi potrà procedersi soltanto all’esito della definitiva assegnazione in favore dell’ente”. Marsilio - aggiunge - la smetta di prendere in giro gli abruzzesi, la sanità è un diritto, è occuparsene è una cosa seria.

Il timore del capogruppo Pd è che "dei 60 milioni di investimenti annunciati non partirà un bel nulla. Vero è che il primo lotto degli interventi, per 50 milioni circa ereditati dai governi precendenti a questo, è fermo perché non c’è alcuna progettazione esecutiva e non sanno come utilizzare i fondi, mentre sul secondo addirittura non sanno ancora dove trovarli! In pratica prima il danno, cioè i ripetuti tagli a Chieti e poi la beffa, annunci impossibili e risorse inesistenti per la sanità del capoluogo che intanto affonda, come dimostra il drammatico calo delle prestazioni nel presidio di Chieti sotto la giunta Marsilio rispetto alla legislatura precedente: siamo a -17%!".

Nell'interpellanza Paolucci chiede di sapere "qual è la disponibilità effettiva dei fondi al momento programmati per poter dare esecuzione agli interventi previsti e richiamati nella dgr n.205 del 6 aprile scorso riguardo l’ospedale di Chieti, così come ritengo indispensabile sapere anche qual è la disponibilità effettiva dei fondi per il secondo lotto funzionale, con risorse programmate di 8.918.430,63 euro. Lo chiedo - aggiunge  -perché dagli atti che il centrodestra stesso ha scritto e approvato, affiora che l’attuale disponibilità risulta unicamente di 2.578.947,37 di euro, la terza parte del totale e che si tratta di fondi che verranno anticipati dalla Asl 2 e che non consentono, a patto che non si facciano miracolose moltiplicazioni, di fare ciò che hanno detto. Questo significa che tutti i progetti presentati sono virtuali, e che ancora una volta Chieti sarà la cenerentola della sanità, a cui la Regione non dà nemmeno gli spiccioli: dopo aver perso i 30 milioni di euro per il nuovo ospedale deviati altrove, il Dea di II livello, il distretto sanitario di Chieti Scalo, le eccellenze sanitarie del clinicizzato, depauperato di anno in anno e dopo la proposta di dislocare la cittadella giudiziaria, spogliando il centro storico anche del tribunale pur di vendere il San Camillo per coprire i milioni di debito accumulato dalla Asl, l’ulteriore presa in giro, il centrodestra per Chieti ha poco meno di 3 milioni di euro. Questa - conclude -  è la considerazione e l’impegno per il capoluogo della provincia più popolosa d’Abruzzo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paolucci attacca Marsilio sui fondi per l’edilizia sanitaria: “Prende in giro Chieti promettendo interventi senza copertura"

ChietiToday è in caricamento