Ospedale unico Lanciano-Vasto, il Pd dice no: "Dimissioni dell'assessore alla Sanità"

Il consigliere regionale Paolucci e il segretario provinciale Cordisco accusano la Regione di "ambiguità e di una palese interlocuzione segreta" per realizzare la nuova struttura sulla costa

Il capogruppo del Pd in consiglio regionale, Paolucci

Dopo il Movimento 5 stelle, anche il Partito Democratico si schiera contro l'ipotesi di un ospedale unico Lanciano-Vasto, da realizzare sulla costa.

Il capogruppo in consiglio regionale Silvio Paolucci e il segretario provinciale Gianni Cordisco attaccano: "L'atteggiamento del centrodestra é indecoroso".

"Archiviata la scelta del precedente governo del centrosinistra - dicono - nella provincia di Chieti non solo si sono fermati gli investimenti per i nuovi ospedali di Chieti, Lanciano e Vasto, ma si è anche attivata una interlocuzione segreta che vede la Regione pronta a costruire l'ospedale unico tra Lanciano e Vasto nel comune di Casalbordino. Gli ultimi atti di programmazione approvati , tutti del centrosinistra, risalgono a fine 2016 (rete ospedaliera) e 2018 (risorse e delibera per i nuovi ospedali). Da allora più nulla. Inoltre, dalle altre forze politiche si è sempre riscontrata piena contrarietà all'utilizzo delle risorse pubbliche e private per un valore complessivo di 170 milioni per Lanciano e Vasto".

"Se da una parte il centrodestra di Chiodi aveva lasciato in eredità atti senza coperture, in quanto si prevedeva la sdemanializzazione delle aree - proseguono Paolucci e Cordisco - ora, con il ritorno in Regione del centrodestra a guida Marsilio e dopo due anni di silenzio e immobilismo e con un progetto in essere dei due ospedali (Vasto e Lanciano) facenti capo entrambi alla passata amministrazione regionale a guida D’Alfonso e Paolucci, tutto non solo è stato bloccato, ma escono anche fuori le reali intenzioni della Regione Abruzzo senza che il territorio sia stato ascoltato. Riteniamo questa una scorrettezza e una umiliazione per la Provincia di Chieti e per i cittadini", incalzano.

I due esponenti di centrosinistra condividono il documento sottoscritto dai sindaci di Vasto, San Salvo, Cupello e Monteodorisio, Francesco Menna, Tiziana Magnacca, Graziana Di Florio e Catia Di Fabio, che propongono un nuovo ospedale in contrada Pozzitello, a Vasto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Paolucci e Cordisco, infine, chiedono le dimissioni dell'assessore alla Sanità Verì, "alla luce dell'ambiguità e di una palese interlocuzione segreta della Regione Abruzzo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

  • Fabrizio Di Stefano a Matteo Salvini: "Troverai una Chieti cambiata e che riparte"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento