Ospedale di Guardiagrele, il sindaco Dal Pozzo: "Impossibile prenotare esami diagnostici, distretto dimenticato"

«L’allarme lanciato qualche giorno fa», dice il sindaco Simone Dal Pozzo, «si è rivelato fondato. Mentre in tutta la Asl bisogna recuperare circa 40 mila prestazioni, a Guardiagrele non è possibile prenotare neanche un esame»

Nell'ospedale di Guardiagrele non è possibile prenotare neanche un esame diagnostico. 
«L’allarme lanciato qualche giorno fa», dice il sindaco Simone Dal Pozzo, «si è rivelato fondato. Mentre in tutta la Asl bisogna recuperare circa 40 mila prestazioni, a Guardiagrele non è possibile prenotare neanche un esame». 

Per il primo cittadino Guardiagrele è stata letteralmente dimenticata. 

«Abbiamo avanzato proposte, sollecitazioni e richieste di ogni genere, ma nessuna risposta è arrivata», aggiunge Dal Pozzo. Rispondendo a una richiesta del sindaco di Guardiagrele, la Asl, con una nota dello scorso 4 agosto, ha comunicato che la Radiologia è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 14 ed è impossibile prenotare prestazioni tramite Cup perché è garantito il solo accesso tramite Ppi. 
Secondo il sindaco la situazione attuale è la seguente: il distretto è ridotto i minimi termini e la specialistica ambulatoriale non riesce a soddisfare le richieste del territorio. Chiunque voglia prenotare una tac, una ecografia, una radiografia e ogni altro esame diagnostico, anche il più elementare, non può farlo a Guardiagrele; di posti letto ospedalieri ormai non si parla più da un anno. Stando all'ultimo verbale del Tavolo di monitoraggio della rete ospedaliera non si è ancora discusso tanto che sull'argomento c'è un silenzio incredibile. 

«Non è esagerato dire», sottolinea il sindaco, «che questo è il punto più basso per la sanità del territorio che fa capo a Guardiagrele in un momento, che dura da mesi, nel quale siamo rimasti gli unici a protestare. Mentre la Asl proprio in questi giorni lancia l’allarme intasamento pronti soccorso all’inizio dell’autunno; mentre a destra e a manca si distribuiscono nuovi macchinari e mentre viene approvato un programma milionario per la rete Covid, Guardiagrele letteralmente sparisce dalla geografia della Asl di Chieti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

Torna su
ChietiToday è in caricamento