menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Guardiagrele, il sindaco Dal Pozzo: "Impossibile prenotare esami diagnostici, distretto dimenticato"

«L’allarme lanciato qualche giorno fa», dice il sindaco Simone Dal Pozzo, «si è rivelato fondato. Mentre in tutta la Asl bisogna recuperare circa 40 mila prestazioni, a Guardiagrele non è possibile prenotare neanche un esame»

Nell'ospedale di Guardiagrele non è possibile prenotare neanche un esame diagnostico. 
«L’allarme lanciato qualche giorno fa», dice il sindaco Simone Dal Pozzo, «si è rivelato fondato. Mentre in tutta la Asl bisogna recuperare circa 40 mila prestazioni, a Guardiagrele non è possibile prenotare neanche un esame». 

Per il primo cittadino Guardiagrele è stata letteralmente dimenticata. 

«Abbiamo avanzato proposte, sollecitazioni e richieste di ogni genere, ma nessuna risposta è arrivata», aggiunge Dal Pozzo. Rispondendo a una richiesta del sindaco di Guardiagrele, la Asl, con una nota dello scorso 4 agosto, ha comunicato che la Radiologia è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 14 ed è impossibile prenotare prestazioni tramite Cup perché è garantito il solo accesso tramite Ppi. 
Secondo il sindaco la situazione attuale è la seguente: il distretto è ridotto i minimi termini e la specialistica ambulatoriale non riesce a soddisfare le richieste del territorio. Chiunque voglia prenotare una tac, una ecografia, una radiografia e ogni altro esame diagnostico, anche il più elementare, non può farlo a Guardiagrele; di posti letto ospedalieri ormai non si parla più da un anno. Stando all'ultimo verbale del Tavolo di monitoraggio della rete ospedaliera non si è ancora discusso tanto che sull'argomento c'è un silenzio incredibile. 

«Non è esagerato dire», sottolinea il sindaco, «che questo è il punto più basso per la sanità del territorio che fa capo a Guardiagrele in un momento, che dura da mesi, nel quale siamo rimasti gli unici a protestare. Mentre la Asl proprio in questi giorni lancia l’allarme intasamento pronti soccorso all’inizio dell’autunno; mentre a destra e a manca si distribuiscono nuovi macchinari e mentre viene approvato un programma milionario per la rete Covid, Guardiagrele letteralmente sparisce dalla geografia della Asl di Chieti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento