menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Chieti, il Movimento 5 Stelle contro Febbo: "Attendiamo distretto sanitario a Chieti scalo"

Le consigliere regionali Marcozzi e Stella criticano Mauro Febbo (Forza Italia) dopo la visita al nosocomio teatino

“Il capogruppo di Forza Italia, Mauro Febbo arriva in ritardo sulla situazione dell'ospedale di Chieti". A dirlo è la capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione, Sara Marcozzi in riferimento alla visita del consigliere di maggioranza al Ss Annunziata.

"Dopo due anni di silenzio da parte della giunta di centrodestra, si rende conto solamente adesso che il presidio merita di essere salvaguardato e curato con investimenti di cui, fino a questo momento, non abbiamo riscontri se non nelle promesse della maggioranza. Dal momento che Febbo si erge a garante della struttura, allora dia tempi certi sull'acquisto e l'installazione della Pet-Tac in modo da non costringere pazienti oncologici a fare ancora oggi analisi delicate in un container che, ricordo, costa alla comunità 500mila euro l'anno di affitto. Se pensiamo che un macchinario di ultima generazione costa circa 2 milioni di euro, è facile capire come il mancato investimento ci esponga al rischio di un continuo sperpero di denaro. Oppure ci dica quando sarà utilizzabile l'acceleratore lineare promesso e quando saranno completati gli adeguamenti strutturali su cui si fa propaganda prima ancora che siano conclusi”.

Sul tema è intervenuta anche la consigliera pentastellata, Barbara Stella:

"All'ex assessore Febbo che parla di investimenti sull'ospedale di Chieti, come se si trattasse della chiave di rinascita del Ss Annunziata, vorrei ricordare che da oltre un anno è ancora irrisolta la avventata chiusura del distretto sanitario. Non è sufficiente elencare le risorse, ma manca del tutto una strategia sulla Asl e una guida adeguata per essere all'altezza della situazione che stiamo vivendo.È  passato oltre un anno dalla chiusura del distretto sanitario di Chieti Scalo e non ci sono ancora soluzioni concrete per la sua riapertura, in un momento in cui la medicina territoriale è fondamentale per un’assistenza sanitaria più efficiente".

Sulla situazione sanitaria in Abruzzo, Stella chiede un cambio di passo:  

"La sanità abruzzese continua a presentare ancora le stesse criticità degli anni precedenti e in alcuni casi la situazione risulta perfino peggiorata. La carenza di personale, reparti senza primario come la Cardiochirurgia di Chieti, l’obsolescenza dei macchinari, sommati ad una scarsa programmazione, continuano ad essere la causa dei numerosi disservizi che ho continuato a denunciare nei mesi scorsi e che il governo regionale di centrodestra è chiamato a risolvere, non con continui annunci e promesse non mantenute”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento