menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Chieti, Febbo (Fi): "Lavoriamo per riparare i danni di Paolucci e D'Alfonso"

Il capogruppo regionale di Forza Italia ricorda il "“faraonico progetto del project financing che avrebbe depotenziato la sanità teatina e scippato l'università"

Non si placano le polemiche sull'ospedale di Chieti. Dopo le critiche dell'ex assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci (Pd) sulle mancanze da parte della Regione in relazione al nosocomio teatino, è arrivata la replica del capogruppo regionale di Forza Italia, Mauro Febbo.

“Il consigliere Paolucci - dice Febbo - dimentica, o finge di dimenticare, il momento di emergenza sanitaria che stiamo attraversando, da un anno a questa parte, e soprattutto nasconde l'operato del suo assessorato riguardo l'ospedale di Chieti, attaccando il centrodestra che guida la Regione”.

Febbo attacca Paolucci sulla precedente gestione. “Solo adesso si ricorda di Chieti e del suo nosocomio – aggiunge Febbo -  il crollo delle attività assistenziali e degli interventi chirurgici si è registrato in tutti gli ospedali d’Italia per molteplici ed evidenti ragioni, non ultime le disposizioni in materia sanitaria di blocco di alcune attività su disposizioni del ministro della Salute, lo spostamento fisico di reparti da un piano ad un altro o anche da un presidio ad un altro è avvenuto in tutte le Regioni d’Italia, unicamente per poter garantire i servizi indispensabili e necessari ai malati di Covid e il lavoro in totale sicurezza degli operatori sanitari, la vetustà del parco tecnologico, purtroppo, comporta pericoli di malfunzionamento ma a questo proposito mi chiedo: quante risorse economiche sono state destinate durante tutto il governo di centrosinistra all’ospedale di Chieti?”.

Poi sempre riferendosi alla giunta D'Alfonso, quando Paolucci ricopriva il ruolo di assessore alla Sanità, Febbo dichiara: "Paolucci dovrebbe ricordare che durante il suo governo, l’ospedale di Chieti è stato privato, dalla programmazione regionale, di alcune fondamentali Unità Operative Complesse tra le quali Malattie Infettive e Pnemologia, che sono state declassate a Uosd e che, guarda caso, sono tra le specialità prioritariamente impegnate in prima linea sul fronte anti Covid. Forse si è anche dimenticato della decisione localizzazione della Centrale unica del 118 all'aeroporto a San Giovanni Teatino, votata peraltro da tutto il gruppo consigliare del Pd al Comune di Chieti, a cominciare dall’attuale sindaco, Diego Ferrara. Quindi, Paolucci prima di guardare al presente, oltretutto dimenticandosi delle gravi difficoltà legate alla pandemia, volga il suo sguardo al suo operato negativo, da ex assessore, per quanto riguarda le scelte programmatorie fatte per l'ospedale di Chieti di cui si stanno ancora pagando le conseguenze”.

L'ultima critica Febbo la rivolge al “faraonico progetto del project financing che avrebbe finito per depotenziare notevolmente la sanità teatina a vantaggio di altra comunità e soprattutto con il rischio di vedersi scippare anche l'Università, quello era il vero obiettivo che ho sistematicamente denunciato ed evitato. Sono 20 mesi che stiamo cercando di limitare i danni derivanti dalla dichiarazione di pubblica utilità voluta proprio da Paolucci e D'Alfonso, con specifica delibera di giunta regionale, e finalmente il prossimo 27 gennaio il Tar dirà la parola fine alla vicenda, nella speranza di limitare i danni economici che potrebbero derivare e che resterebbero a carico della sanità teatina ma soprattutto sulle spalle dei cittadini”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento