menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
D'Ottavio

D'Ottavio

Ortona, un consiglio comunale per salvare il Punto Nascita

Il sindaco D'Ottavio ha invitato alla seduta l'assessore regionale Paolucci e il direttore generale Zavattaro. Il 20 febbraio incontro con tutti i sindaci del comprensorio. Forza Italia invoca le dimissioni

A Ortona il sindaco Vincenzo D'Ottavio ha chiesto di convocare urgentemente un consiglio comunale dedicato al Punto Nascita di Ortona, invitando alla seduta l'assessore regionale alla sanità Silvio Paolucci e il direttore generale della Asl Francesco Zavattaro. parti. L’augurio di D'Ottavio è che ci sia ancora la possibilità di salvare l’ottimo reparto di Maternità all’ospedale di Ortona, che ha già perso negli anni abbiamo i reparti di ortopedia, nefrologia e cardiologia.

Già a dicembre l'amministrazione comunale aveva messo in rilievo come il reparto fosse in realtà dotato dei parametri richiesti dal Ministero della Salute in termini di sicurezza, e con un trend di crescita più alto in termini di 

Intanto la vicesindaco Nadia Di Sipio si è attivata con l'assessore Silvio Paolucci e ha organizzato un incontro con tutti i sindaci del comprensorio ortonese il 20 febbraio prossimo alle ore 15 in Comune.

In città si schiera contro il sindaco Simone Ciccotelli di Forza Italia :"D'Ottavio rassegni il suo mandato da sindaco- dice -  visto che la triade D’Alfonso, D’Alessandro e Paolucci ha letteralmente tradito gli impegni presi in campagna elettorale con la nostra città, mentendo spudoratamente sul Punto nascita di Ortona”.

La decisione – continua Ciccotelli - di chiudere il reparto è inaccettabile e fuori da ogni logica visto che la struttura è dotata di servizi efficienti, personale professionale di qualità e supera anche le 550 nascite all’anno. Sono a chiedere le dimissioni del Sindaco affinché la Regione prenda atto della grave e assurda decisione che ostinatamente porta avanti ai danni di Ortona, anche in materia portuale visto che la città starebbe per divenire teatro di un discutibile deposito di GPL da 25000 mc”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento