menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso dell'ex ospedale San Camillo (foto Daniele Nicolucci)

L'ingresso dell'ex ospedale San Camillo (foto Daniele Nicolucci)

Un consiglio comunale straordinario per conoscere il piano operativo della fase 2: l'ordine del giorno della minoranza

Gli esponenti di Pd, Chieti per Chieti e Chieti punto da capo accusano l'amministrazione teatina di "sonnecchiare" e tornano a chiedere di ripristinare l'ex San Camillo

È stato presentato l'ordine del giorno dell'opposizione per chiedere di organizzare un consiglio comunale straordinario, con la partecipazione di Asl e Regione, per discutere del futuro di Chieti in vista della cosiddetta fase 2. A firmarlo, i consiglieri di Chieti per Chieti Luigi Febo, Diego Ferrara e Teresa Giammarino; Partito Democratico, Chiara Zappalorto, Filippo Di Giovanni e Alessio Di Iorio; Chieti punto da capo, Stefano Rispoli ed Enrico Raimondi. 

Gli esponenti di minoranza fanno leva sul fatto che la fase 2 per la città di Chieti "non e? stata programmata ne? discussa. L’amministrazione comunale, in questi 60 giorni di fase 1, si e? mostrata incapace di coordinare con Regione e altri Comuni un qualsivoglia piano operativo in grado di tutelare la comunita? teatina e allo stesso tempo garantire un servizio efficiente ai malati di Covid e di qualsiasi altra patologia".

Dunque, i consiglieri chiedono al sindaco Umberto Di Primio che si impegni a chiedere "con urgenza alla giunta regionale un programma operativo sulla fase 2 dell’emergenza. All’interno di tale programma - dicono - sara? fondamentale inserire la programmazione di interventi di recupero e valorizzazione delle strutture sanitarie presenti nel territorio teatino, comprese strutture che permettano una velocizzazione di analisi dei tamponi effettuati".

Non manca un attacco all'amministrazione teatina: "Tutto cio? sara? possibile solo se la giunta comunale prendera? atto delle proprie responsabilita? e smettera? di sonnecchiare, di fronte ad un’emergenza che non permette perdite di tempo. La maggioranza deve decidere che tipo di politica attuare: se quella degli slogan o quella dei fatti. Attendiamo impazienti una risposta a tale quesito, ed anche la cittadinanza". 

Nell'ordine del giorno, i consiglieri citano anche quella che definiscono una "colpevole impreparazione e lentezza" nella fornitura di dispositivi individuali di protezione al personale sanitario e "un colpevole ritardo nel fornire esiti dei tamponi".

Inoltre, definiscono "contraddittoria" la scelta di realizzare il Covid hospital a Pescara, poiché "svincolata da un quadro programmatorio su tutto il territorio regionale".

Ecco perché chiedono alla giunta regionale di inserire nel programma operativo sull'emergenza Covid "interventi di recupero e valorizzazione delle strutture ospedaliere di Chieti come il San Camillo e i corpi C ed F del Santissima Annunziata con modalita? di veloce esecuzione come avvenuto per il Covid hospital di Pescara" e "l’allestimento di una o piu? camere di compensazione con criteri di sicurezza BL2 per attivare anche i laboratori del Policlinico di Chieti per velocizzare l’esito dei tampon".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento