Il caso dell'operaio con 38 di febbre finisce in consiglio regionale: interpellanza di Marcozzi (5 stelle)

La capogruppo chiede al presidente Marsilio di chiarire i fatti e quali misure siano state disposte a tutela della salute dei lavoratori

La capogruppo del Movimento 5 stelle in consiglio regionale, Sara Marcozzi

Finisce in consiglio regionale, con un'interpellanza della capogruppo del Movimento 5 stelle, Sara Marcozzi, il caso dell'operaio andato in lavoro con 38 di febbre. L'episodio, denunciato dalla Fiom, risale a pochi giorni fa: l'uomo, dipendente di una fabbrica della Val di Sangro, è stato fermato all'ingresso, dopo il controllo con il termoscanner predisposto dall'azienda.

E, ora, la pentastellata parla di "enorme falla nel sistema di sicurezza per la salute dei lavoratori a cui avrebbe dovuto lavorare la giunta Lega-Fratelli d'Italia-Forza Italia". Per Marcozzi, il protocollo di sicurezza studiato dalla Regione è da rivedere: "Per questo - spiega - depositerò un'interpellanza urgente per conoscere dal presidente Marsilio in ogni minimo dettaglio come siano andati i fatti e per capire quale organizzazione abbia stilato il centrodestra a tutela dei lavoratori”.

“La necessità di riaprire e di ripartire a tutti i costi, pur di anticipare il Governo nazionale - incalza - rischia di fare male alla salute degli abruzzesi se non è accompagnata da una pianificazione seria".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E aggiunge: "La speranza è che il tampone al lavoratore risultati negativo, ma è inaccettabile che un Governo regionale debba affidarsi alla fortuna quando di mezzo c'è la salute dei cittadini. Pretendo di avere risposte chiare, e chi ha sbagliato se ne dovrà assumere le proprie responsabilità davanti agli abruzzesi”, conclude Sara Marcozzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento