rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Politica

Nuovo Cda Chieti solidale, insorge l’opposizione: “Sempre i soliti teatrini”

I componenti della società comunale del terzo settore sono stati individuati a seguito di avviso pubblico

Tanti i nomi di professionisti teatini in campo su cui poteva cadere la scelta del nuovo Consiglio di amministrazione di Chieti Solidale secondo i consiglieri di opposizione Serena Pompilio (Azione Politica), Riccardo Giampiero (Chieti Viva), Bruno Di Iorio (Di Iorio Sindaco), Maurizio Costa (Forza Chieti) e Mario De Lio (UDC), che intervengono all’esito delle nomine al vertice della società.

“È stato nominato Balietti sulla cui professionalità non si discute anche se doveva essere messa in campo laddove più serviva, ossia la Teate Servizi” commentano in una nota congiunta.

Poi la critica: “Le altre nomine anche in questo caso fungono da camera di compensazione per candidati alle elezioni comunali che non hanno avuto la forza elettorale per entrare in comune e per chi ha visto la fumata nera per un posto di assessore in giunta poi assegnato alla Maretti. Come già il Cda del teatro Marrucino oggi è la volta di Chieti solidale dove le scelte il sindaco non le fa in funzione dei curricula, come invece sostiene, bensì in virtù di strapuntini da dare a chi non ha avuto risultati elettorali brillanti ma può servire per la prossima campagna elettorale. Tutto lascia intendere che siamo in presenza di una lotta di potere, con la gestione commerciale delle nomine”.

E secondo i cinque consiglieri, rientrerebbe in questa ottica anche la nuova formazione consiliare di maggioranza “Liberi a sinistra” e le prime critiche sui problemi amministrativi e politici rimasti irrisolti dopo due anni di amministrazione Ferrara. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo Cda Chieti solidale, insorge l’opposizione: “Sempre i soliti teatrini”

ChietiToday è in caricamento