rotate-mobile
Politica

Liberi a sinistra sui nuovi assessori: "No a logiche spartitorie, la scelta cada su una persona di alto profilo"

Il gruppo consiliare che interviene sulle ultime vicende del Comune di Chieti e precisa di non aver preso parte ad alcun accordo politico di maggioranza

La scelta dei nuovi assessori è del sindaco a cui non indicheranno alcun nome, ma l'invito è a non cedere a logiche spartitorie e ad assegnare invece l'incarico a una persona di alto profilo e competenza. Questa, in sintesi, la posizione del gruppo consiliare Liberi a sinistra che interviene sulle ultime vicende del Comune di Chieti e precisa di non aver preso parte ad alcun accordo politico di maggioranza.

Dopo le dimissioni dell’assessore alla politiche sociali, Mara Maretti, i consiglieri Di Primio, De Luca e Raimondi del gruppo Liberi a sinistra ribadiscono: "Non indicheremo alcun nome al sindaco, rimettendo allo stesso la scelta, nell’auspicio che quest'ultima cada su una persona di alto profilo e di indubbia capacità e competenza. Quindi nulla di personale e politico nei confronti dei nomi fatti e messi sulla graticola da altri e non di certo frutto di un accordo politico con la nostra partecipazione. All’indomani di un'approvazione del bilancio riequilibrato, senza il nostro voto, senza le passività che sono di competenza dell’osl, ci sembrerebbe auspicabile un allargamento degli orizzonti - proseguono - coinvolgendo professionalità e competenze che nella nostra città sicuramente non mancano, uscendo fuori da logiche spartitorie e/o equilibrismi vari.  Tutto ciò, anche e soprattutto alla luce degli ultimi rilievi avanzati dalla Corte dei conti sulle mancanze del controllo di gestione per quel che riguarda la macchina amministrativa dell'ente, nonché sul rapporto con le società partecipate - le quali, in fase di dissesto finanziario, dovranno continuare a gestire servizi imprescindibili per la città. Del resto, sulla risoluzione di tali criticità il gruppo Liberi a Sinistra sta insistendo, dentro e fuori le mura del Comune, da circa due anni".

Al sindaco Ferrara il gruppo consiglia di perseguire "la ratio da noi indicata a inizio legislatura: non seguire logiche puramente spartitorie. È un fatto che noi, sin dall'inizio, abbiamo non a caso voluto indicare un nome esterno alla nostra lista, di indubbia capacità e al di fuori di qualsiasi logica di appartenenza. I frutti di quella nostra scelta sono sotto gli occhi di tutti e a vantaggio esclusivamente della città. Siamo sicuri – concludono i tre consiglieri- che le scelte che il sindaco vorrà operare andranno in questa direzione, senza accettare condizionamenti e pensando esclusivamente al bene della città".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liberi a sinistra sui nuovi assessori: "No a logiche spartitorie, la scelta cada su una persona di alto profilo"

ChietiToday è in caricamento