Politica

Marrocco assessore, l'Udc contrario: "Non sono stati rispettati gli accordi"

In una lettera aperta al sindaco Di Primio, dil segretario cittadino Andrea Buracchio e il capogruppo consiliare Mario De Lio annunciano “riflessione e confronto” prima di prendere una decisione politica

L’Udc cittadino contrario alla decisione del sindaco di nominare il consigliere Dario Marrocco assessore alle Politiche della casa.

All'indomani della decisione del sindaco, il segretario cittadino Andrea Buracchio e il capogruppo consiliare Mario De Lio, scrivono una lettera aperta a Di Primio, nella quale preannunciano una fase di “riflessione e confronto” con le altre forze politiche della maggioranza prima di una decisione in merito alla nuova situazione venutasi a creare a palazzo d'Achille. Per loro, in virtù di "precisi accordi assunti in tal senso ad inizio del mandato ", era indispensabile che il futuro assessore nominato al posto di Ivo D’Agostino appartenesse all’Udc.

“La tua decisione di nominare un nuovo assessore proveniente dal Pdl e parcheggiato solo provvisoriamente nel Gruppo Misto non può avere il nostro consenso proprio perché in questo modo vengono disattesi, in modo palese e francamente incomprensibile, i suddetti accordi elettorali" scrivono al sindaco Andrea Buracchio e Mario De Lio, aggiungedo che "Non abbiamo nulla contro il consigliere Marrocco, ma con questa tua nomina, peraltro unilaterale e non condivisa con la maggioranza ma solo comunicata, sono stati forzosamente introdotti elementi di squilibrio che, molto verosimilmente, potrebbero avere pesanti ripercussioni nei rapporti tra quei partiti che, fino ad oggi, hanno retto le sorti del Comune di Chieti”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marrocco assessore, l'Udc contrario: "Non sono stati rispettati gli accordi"

ChietiToday è in caricamento