rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica

Crisi in maggioranza: i "ribelli" si avvicinano a Raimondi e danno vita a un nuovo gruppo consiliare

Rispoli e Troiano, insieme all'ormai ex capogruppo de L'Altra Chieti, costituiscono "Chieti. Da Capo", per lavorare in vista delle prossime elezioni comunali

Era nell'aria da tempo, fra contatti più o meno ufficiali e confronti molto ravvicinati. Alla fine, la "fusione" si è compiuta: da oggi, nel consiglio comunale di Chieti, c'è un nuovo gruppo consiliare, denominato "Chieti. Da Capo", a cui aderiscono Stefano Rispoli, Mario Troiano ed Enrico Raimondi. 

Anime molto diverse fra loro, considerato che i primi due sedevano nella maggioranza del sindaco Umberto Di Primio e sono poi confluiti nel Gruppo Misto, mentre il terzo è uno dei volti più attivi della minoranza consiliare, eletto nelle file de L'Altra Chieti, e da sempre con un'anima indissolubilmente di sinistra. 

I consiglieri spiegano che, già dal prossimo consiglio comunale, valuteranno in libertà e senza imposizioni i vari provvedimenti che saranno loro sottoposti, con l'obiettivo unico di fare il bene della città. Ma "Chieti. Da Capo", che nel logo richiama i colori neroverdi e lo skyline del Colle, con l'inconfondibile profilo del campanile di San Giustino e della cupola di San Francesco, guarda ancora più avanti, come spiegano i tre creatori: 

È il primo passo per costruire una valida alternativa politica alle prossime elezioni comunali. L’unione di persone che provengono da esperienze politiche diverse vuole essere un segnale per far capire che a Chieti serve una nuova classe dirigente che condivide la stessa idea di città a prescindere dalle appartenenze  politiche. 

Dopo la costituzione del gruppo consiliare, si darà vita a forme di partecipazione popolare per la stesura del programma, la formazione delle liste e l’individuazione del futuro candidato sindaco di Chieti. Bisogna togliere Chieti dalle mani di chi usa la nostra città solo per interessi utilitaristici personali a danno dei cittadini.

Insomma, spazio a contributi di chiunque volesse partecipare a quella che si pone come una realtà politica del tutto nuova e scevra dai condizionamenti di dinamiche ormai sedimentate. 

Sul fronte, della maggioranza, intanto, c'è una riapertura di dialogo del primo cittadino con Diego Costantini, che appena un paio di settimane fa aveva annunciato il suo passaggio al Gruppo Misto, dopo essere stato cacciato via dalla Lega. Secondo alcune voci, per lui ci sarebbe un assessorato in ballo. Ma il consigliere non conferma:

Si è riaperto il dialogo con il sindaco e sia chiaro che il mio futuro è nel centrodestra, dove sono stato eletto. Ma, per il momento, non ci sono novità rilevanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi in maggioranza: i "ribelli" si avvicinano a Raimondi e danno vita a un nuovo gruppo consiliare

ChietiToday è in caricamento