menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto politico a Ortona: mozione di sfiducia delle opposizioni alla presidente del consiglio comunale

La presidente Rabottini non ha convocato, nei tempi richiesti, una seduta consiliare per dire no all'impianto di gpl

Terremoto politico al Comune di Ortona, dove le opposizioni, in maniera unanime, hanno presentato una mozione di sfiducia nei confronti della presidente del consiglio comunale, Simona Lucia Rabottini, per la mancata convocazione di una seduta richiesta con urgenza e in seduta straordinaria, prima del 13 gennaio scorso.

"La scelta di ignorare tale richiesta - commentano i consiglieri di minoranza Angelo Di Nardo, Giorgio Marchegiano, Peppino Polidori, Emore Cauti , Laura Iubatti e Simonetta Schiazza - rappresenta soltanto l’ultimo atto di arroganza e l’ennesima caduta di stile da parte di una maggioranza che si conferma allergica al confronto”.  

La richiesta di convocazione del consiglio presentata dalle opposizioni aveva all’ordine del giorno la discussione di una proposta di delibera che esprimesse la contrarietà dell'assise all’insediamento di un deposito costiero di Gpl nel territorio di Ortona. 

“Chiedemmo di convocare il consiglio prima del 13 gennaio, quando si sarebbe svolta la Conferenza dei Servizi con il Mise – spiegano i consiglieri di minoranza - in modo da arrivare a questo importante passaggio istituzionale con in tasca una delibera, già approvata, che potesse rafforzare e blindare il diniego del Comune di Ortona rispetto a qualsiasi ipotesi di realizzazione del deposito".

Ma la presidente del consiglio comunale, Simona Lucia Rabottini, ha inviato la lettera di convocazione della conferenza dei capigruppo, per individuare la data del consiglio comunale straordinario, proprio il 13 gennaio, giorno in cui si è tenuta la Conferenza dei servizi . 

"Rendendo di fatto inutile lo svolgimento del consiglio – sottolineano i rappresentanti delle opposizioni – e invitandoci, di conseguenza, a ritirare la nostra proposta di delibera e a rinunciare al confronto in consiglio. Noi abbiamo scelto di non ritirare nulla, dal momento che è stata la maggioranza, in maniera subdola e furbesca, a non considerare la nostra richiesta, con il risultato che ieri si è tenuta una seduta del consiglio comunale surreale, per deliberare su una proposta importante, che sarebbe stata utile per mettere in sicurezza il territorio e che invece è risultata superata dagli eventi a causa dell’autoreferenzialità e dell’assoluta chiusura al dialogo messe in mostra dalla giunta Castiglione".

In conclusione, i consiglieri di minoranza evidenziano che “non è più possibile assistere passivamente al sistematico restringimento degli spazi democratici e alla costante mortificazione delle prerogative delle opposizioni”, e aggiungono che “proprio per questo, la presidente Rabottini sarà chiamata a rispondere in consiglio di una condotta gravemente irriguardosa, sia nei confronti della minoranza e sia, ancor più, nei confronti della stessa istituzione che rappresenta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento