Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Tassa di soggiorno ai centri di prima accoglienza: per i 5 stelle l'emendamento di Vitale è un "inutile copia e incolla"

Secondo i pentastellati la proposta di emendamento del consigliere di maggioranza che vorrebbe introdurre la tassa di soggiorno anche a carico dei migranti non è accoglibile

Una richiesta “in pieno contrasto con le disposizioni del Decreto Legislativo 23/2011” oltre che un semplice “copia incolla” di altre proposte propagandistiche. Queste in sostanza le motivazioni che a corollario del voto contrario da parte di Ottavio Argenio e Manuela D’Arcangelo all’emendamento presentato dal consigliere Emiliano Vitale (FI).

“Riteniamo questa proposta sia dovuta alla totale ignoranza del dettato normativo sovraordinato e che l'eventuale accoglimento da parte del Consiglio comunale possa configurare la totale illegittimità delle relative previsioni regolamentari. Siamo perfettamente consapevoli del peso socio-economico rappresentato dalle strutture di accoglienza dei migranti sul territorio dei Comuni ma allo stesso tempo non riteniamo possibile introdurre la tassa di soggiorno a carico dei gestori delle strutture che li ospitano”.

Argenio liquida l'iniziativa di Vitale come

“Un semplice copia e incolla di quanto già inutilmente proposto in altri Comuni italiani. Un'iniziativa spot peraltro illegittima che è ben lungi dal rappresentare una soluzione efficace ai problemi che le strutture di accoglienza dei migranti possono rappresentare per i territori.
Per quanto riguarda la nostra città, visto che il fenomeno risulta essere ben più contenuto rispetto ad altre realtà, siamo decisamente più propensi a studiare delle soluzioni che possano condurre ad una reale integrazione delle persone che legittimamente richiedono asilo o rifugio e magari introdurre dei sistemi di controllo più stringenti sull'operato delle associazioni che gestiscono i centri di accoglienza, anche attraverso una maggiore collaborazione con la Prefettura, per evitare che chi lucra sulla pelle delle persone possa godere di benefici ed agevolazioni che riguardano anche i tributi comunali”.

“Non siamo affatto d'accordo invece  con iniziative propagandistiche e connotate da profili di dubbia legittimità, del tutto ininfluenti sia sul bilancio comunale, sia soprattutto, sulla soluzione del problema rappresentato dall'elevato numero dei flussi migratori che interessano il nostro Paese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa di soggiorno ai centri di prima accoglienza: per i 5 stelle l'emendamento di Vitale è un "inutile copia e incolla"

ChietiToday è in caricamento