Politica

La maggioranza è assente e l'opposizione non partecipa al voto: in consiglio cade il numero legale

Nulla di fatto per la delibera sulla variante al Prg che per la minoranza penalizza i cittadini di Brecciarola. Ma Colantonio accusa proprio i consiglieri di opposizione di aver bloccato i lavori

Consiglio comunale lampo, ma travagliato, quello che si è tenuto questa mattina a Chieti. La minoranza, infatti, ha scelto di non partecipare al voto sula delibera di “Variante specifica al Prg, Marcrozona 32, discarica Casoni e impianto di trattamento rifiuti”.  Ma non tutti i consiglieri di maggioranza erano presenti in aula. E così è caduto il numero legale, rendendo la seduta nulla: si riprenderà a discutere venerdì mattina (30 giugno), in seconda convocazione, alle 8.30.

Ma se i gruppi di opposizione puntano il dito contro una maggioranza poco partecipe, dall’altro lato l’assessore all’Urbanistica Mario Colantonio accusa di “boicottaggio” i consiglieri di minoranza che hanno abbandonato l’aula “facendo venir meno il numero legale”. Un buon oppositore, - sostiene Colantonio - ruolo che io stesso ho svolto per molti anni in consiglio comunale, dovrebbe contrastare la maggioranza su fatti politici concreti e non su atti amministrativi, tra l’altro dai complessi iter burocratici, destinati a portare beneficio alla città”. E precisa che l’atto in questione, molto contestato dai consiglieri di minoranza, era già stato trattato nelle commissioni consiliari competenti. 

In realtà, secondo quanto lamentato dai consiglieri di Giustizia Sociale, Chieti per Chieti, Pd e Movimento 5 stelle, in commissione non sarebbero stati forniti tutti i documenti necessari ad approfondire la delibera. “Abbiamo risposto all’appello iniziale - dicono - ma abbiamo deciso di non partecipare al voto, anche se comunque avremmo votato contro la delibera, visto che i consiglieri di maggioranza erano assenti". Il documento, infatti, prevede una variante al Piano regolatore generale con cui il Comune, di fatto, rinuncia alla realizzazione di uno specifico collegamento viario con l’impianto Tmb di contrada Casoni, scongiurando le promesse avanzate da anni ai residenti di Brecciarola. Così, dopo l’approvazione del nuovo regolamento Isee, la seduta è stata dichiarata chiusa. 

Bruno Di Paolo (Giustizia Sociale), che da tempo solleva l’attenzione sui problemi di Brecciarola, accusa l’amministrazione di essere “assente su argomenti importanti” e di “approssimazione dal punto di vista politico. Con questa delibera - aggiunge - si è accertato che l’amministrazione considera Brecciarola una zona di serie B”. Di fatto, con la variante contenuta nella delibera, si rinuncia a 300mila euro per ripristinare la viabilità, penalizzando gli abitanti di via Liri e via Popoli, dove i camion continueranno a passare. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maggioranza è assente e l'opposizione non partecipa al voto: in consiglio cade il numero legale

ChietiToday è in caricamento