Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Legnini polemizza: "Solo spartizioni di poltrone decise a Roma e ratificate in Abruzzo"

Il candidato del centrosinistra attacca Marsilio dopo l'ufficializzazione della giunta: "Non una parola sulle tante emergenze abruzzesi"

"Il varo della giunta regionale è arrivato dopo quasi un mese dalle elezioni regionali ma il copione è semrpe lo stesso: si discute solo di spartizioni e di nomi, le decisioni vengono prese a Roma e poi solo ratificate in Abruzzo, l'asse politico è sempre più spostato a destra con la Lega che domina la scena, continuano a manifestarsi vistosi conflitti nella maggioranza di centrodestra, che il presidente Marsilio non riesce a risolvere". Appena dopo l'ufficializzazione della giunta Marsilio, il candidato presidente del centrosinistra Giovanni Legnini, neoletto in consiglio regionale tra le file dell'opposizione, critica il presidente Marsilio sui nomi e sui temi.

LA NUOVA GIUNTA REGIONALE

"Intanto - osserva Legnini - come avevamo ampiamente previsto durante la campagna elettorale, finite le passerelle dei ministri, il Governo  nazionale gialloverde non mostra di preoccuparsi delle diverse emergenze abruzzesi: né una parola, un proposito, un'iniziativa sono stati fino ad oggi riservati ai tanti problemi dei cittadini e dell'economia regionale da parte di coloro che hanno vinto le elezioni regionali. Noi ci siamo".

E annuncia che domani si riunirà con i consiglieri regionali del centrosinistra per decidere "su quali temi incalzeremo la maggioranza di centrodestra in vista del primo Consiglio regionale del prossimo 12 marzo: le iniziative sul lavoro, l'accelerazione delle ricostruzioni, il rischio di sottrazione di risorse per effetto dell'autonomia speciale delle Regioni del nord".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legnini polemizza: "Solo spartizioni di poltrone decise a Roma e ratificate in Abruzzo"

ChietiToday è in caricamento