rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

La denuncia della Lega: "Atti non pubblicati e richieste inevase, negate le funzioni di verifica e controllo dei consiglieri"

Il capogruppo Colantonio lamenta che, dopo mesi, sono rimaste inascoltate le richieste di chiarimenti sulla convenzione fra il teatro Marrucino e la direzione regionale dei musei per la gestione del parco archeologico della CIvitella

Denuncia "azioni non conformi al regolamento comunale e alle norme sulla trasparenza amministrativa" il capogruppo della Lega nel consiglio comunale di Chieti, Mario Colantonio. 

Il riferimento è all'interrogazione presentata lo scorso luglio per chiedere conto della fattibilità economica dell'accordo fra la direzione regionale dei musei e il teatro Marrucino, relativo alla gestione del parco archeologico della Civitella. Ad agosto, dopo la risposta del vice sindaco Paolo De Cesare in consiglio, ritenuta insufficiente, i consiglieri della Lega avanzarono una richiesta di accesso agli atti. Ma ad oggi, lamentano, quella richiesta è rimasta inevasa. 

Per questo, il capogruppo Colantonio ha scritto per sollecitare, facendo leva "sull'obbligo di pubblicazione di atti ed al diritto di accesso agli atti stesso spettante al consigliere comunale". La lettera è indirizzata al presidente del consiglio comunale Luigi Febo, al sindaco Diego Ferrara, al segretario generale Celestina Labbadia, al presidente della commissione di Controllo e garanzia Fabrizio Di Stefano, al presidente della Deputazione teatrale Giustino Angeloni.

Nella missiva, Colantonio lamenta "il perdurare di situazioni ed azioni non conformi al regolamento comunale e alle norme sulla trasparenza amministrativa; all'obbligo di pubblicazione di atti ed al diritto di accesso agli atti stesso spettante al consigliere comunale". 

Il capogruppo della Lega punta il dito contro la mancata pubblicazione sull'albo pretorio del Comune della risposta all'interrogazione già citata. "La grave mancanza di trasparenza - dice - è stata più volte segnalata dal sottoscritto sia in sede di conferenza dei capigruppo e sia esposta quale 'fatto grave' in occasione di successivi consigli comunali".

Dopo la risposta di De Cesare, giudicata "inconsistente e poco chiara", Colantonio ha appurato che la richiesta di accesso agli atti è stata regolarmente trasmessa il 19 agosto alla Deputazione teatrale, ma, dice, "ad oggi non risultano comunicati o trasmessi atti dovuti, necessari a soddisfare la richiesta di accesso. Essendo trascorsi ben oltre 60 giorni dal consiglio comunale tenuto si il 10 agosto - incalza - il cui esito all'interrogazione avanzata non risulta essere stato pubblicato; nonchè risultano trascorsi 60 giorni dalla richiesta di accesso agli atti presentata l'11 agosto, ritenendo grave  e censurabile il perdurare di comportamenti che limitano e negano le funzioni di verifica e controllo atti da parte del consigliere scrivente, rimetto la presente ed i relativi allegati a tutte le autorità in indirizzo oltre che al presidente della commissione di controllo e caranzia per la trattazione di competenza".

Si allegano :Interrogazione a risposta in aula presentata il 21.07.2021

                     Istanza di accesso agli atti dell'11.08.2021

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia della Lega: "Atti non pubblicati e richieste inevase, negate le funzioni di verifica e controllo dei consiglieri"

ChietiToday è in caricamento