La Lega detta la condizioni al sindaco Di Primio: "Cinque punti per andare avanti"

Le richieste riguardano le scuole, servizi ai cittadini dello Scalo e lavori pubblici. Condizioni improrogabili inviate da commissario provinciale, Palmerino Mammarella al sindaco

Dopo Forza Italia e Udc ora anche la Lega detta le condizioni da rispettare al sindaco Di Primio per far sì che il mandato elettorale giunga al termine. Un documento programmatico che nella sua premessa l’aver ritenuto  di “votare il bilancio di previsione solo e soltanto nell'interesse della città onde evitare il commissariamento del Comune" e che "questo voto non può essere inteso come acritica adesione all'operato dell'amministrazione comunale, su cui la Lega non ha avuto parte alcuna”.

Le richieste riguardano le scuole, servizi ai cittadini dello Scalo e lavori pubblici. Condizioni improrogabili poste dalla Lega e inviate da commissario provinciale, Palmerino Mammarella al sindaco Umberto Di Primio.

Sono cinque i punti: il ritorno dello scuolabus, la riapertura di almeno un asilo nido, il miglioramento della qualità delle mense scolastiche, il potenziamento della delegazione comunale dello Scalo, e l'avvio «entro e non oltre il mese di ottobre delle procedure di appalto per i lavori pubblici già finanziati e l'intensificazione dei lavori di manutenzione in città. Nel documento la Lega si schiera anche contro la richiesta di Forza Italia sul rimpasto di giunta, definendo come «inopportuni» eventuali rimpasti di deleghe e ribadisce di non essere interessata a nuovi incarichi o poltrone.

Intanto, lunedì 29 luglio, si torna in consiglio comunale per l'approvazione della salvaguardia degli equilibri di bilancio relativi all'esercizio finanziario 2019. La seduta, in prima convocazione, è in programma alle ore 15. Qualora dovesse mancare il numero legale, l'assemblea si riunirà mercoledì 31 luglio, alle ore 9. All'ordine del giorno c'è anche l'accertamento di diversi debiti fuori bilancio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento