Potenziamento porto di Ortona, Paolucci (Pd): "Merito nostro, la giunta Marsilio non è l'artefice"

L'esponente di minoranza rivendica il ruolo del precedente Governo regionale, di cui era assessore, "che ha portato al progetto e al reperimento delle risorse attraverso il Masterplan”

Scoppia la polemica politica sui lavori di potenziamento del porto di Ortona, annunciati ieri in conferenza stampa dalla Regione. Entro metà luglio dovrebbe arrivare la stipula del contratto con l'azienda che si è aggiudicata l'appalto e, se le procedure rispetteranno il cronoprogramma, l'intervento sarà completato entro il 2024.

Ma il capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale, Silvio Paolucci, rivendica il merito della giunta D'Alfonso, di cui era assessore: “Se il porto di Ortona rinascerà - commenta - sarà grazie al lavoro amministrativo della precedente giunta regionale di centrosinistra, che ha portato al progetto e al reperimento delle risorse attraverso il Masterplan”.

“Parliamo - aggiunge l'esponente di minoranza - di opere che diventeranno realtà grazie ai 55 milioni previsti dal Masterplan programmato dalla giunta di centrosinistra. L’infrastruttura sarà potenziata perché possa crescere e diventare uno scalo commerciale capace di esprimere tutte le sue potenzialità e diventare un riferimento anche per l’economia turistica del territorio. Il progetto da noi presentato puntava a questo, aveva le gambe per concretizzarsi, malgrado chi oggi lo presenta e cerca di farsene artefice, abbia speso quantitativi impensabili di inchiostro per demolire il Masterplan che lo rende possibile, un mezzo definito persino inesistente, ma che di fatto contiene le uniche risorse certe a disposizione della Regione a guida centrodestra. Eravamo sicuri che lo scalo meritasse quegli interventi, ci abbiamo creduto e finalmente si concretizzeranno, grazie anche a una gestazione condivisa dei lavori. Ci duole che, nonostante fosse già tutto pronto quando si è insediata la nuova Giunta, si arrivi a questa tappa, ovvero la progettazione, dopo ben 16 mesi, nonostante le centinaia di note stampa a cui ci ha abituato il Governo Regionale".

"È successo - incalza Paolucci - quanto sta accadendo anche con la Sanità: esistono solo atti di programmazione approvati in precedenza. E dopo 16 mesi di governo, siamo ancora in attesa di conoscere progetti e risultati di diretta emanazione del presidente Marsilio e del suo esecutivo. Un esempio per tutti: il Piano Sanitario è scaduto il 31.12.2018 e non vi è traccia del nuovo. Forse perché si stanno rendendo conto che mantenere le tante promesse fatte non è poi così facile quando la campagna elettorale finisce”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Lancia sassi alla ex e al nuovo fidanzato e sfonda la porta di casa: 30enne denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento