rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politica Lanciano

In dirittura d'arrivo i lavori per il McDonald’s a Lanciano, Europa Verde Frentania: “Area invivibile con più auto e più cemento"

I co-portavoce Aruffo e Luciani critici verso il progetto caldeggiato dall'amministrazione Paolini: "Nuovi posti di lavoro? Per i nostri giovani ci sono opportunità più qualificanti"

Saranno ultimati nei prossimi giorni i lavori nella nuova area commerciale in via Tinari a Lanciano, che vedranno l'apertura, entro dicembre, di un McDonald's e nei primi mesi del nuovo anno anche altri due punti vendita. Un intervento che si appresta a cambiare volto alla viabilità della zona, con la realizzazione di un parcheggio e di una rotatoria. Ma c'è chi, come Europa Verde Frentania, che non ritiene il progetto così positivo.

“Partiamo dall’aspetto che più raccoglie consensi, quello dei nuovi posti di lavoro – analizzano i co-portavoce di Europa Verde Frentania, Rita Aruffo e Stefano Luciani - È tutto da verificare, ma si parla di circa 100 nuovi addetti solo per il fast food. Un buon dato occupazionale, certo, se non fosse che parliamo di una catena che cede il suo marchio a dei licenziatari, piccoli imprenditori, che gestiscono direttamente i ristoranti. Il noto marchio infatti gestisce direttamente solo il 10% dei locali presenti in Italia, lasciando quindi agli imprenditori l’onore e l’onere di assumere le persone. In diverse parti d’Italia i sindacati hanno chiesto lumi sulle condizioni applicate dai licenziatari e una valutazione dei dati inerenti all’alto turn over riscontrato, ai ritmi di lavoro spesso quasi insostenibili, all’uso eccessivo di part-time e quindi di ore supplementari, sulle norme applicate in merito alla salute e alla sicurezza dei lavoratori. L’aspetto che a noi preme più sottolineare è che il lavoro svolto presso il fast food non sarà altamente qualificante per i nostri ragazzi, tant’è che molti di loro, dopo una breve esperienza, decidono di cambiare presto lavoro. Vorremmo che i nostri ragazzi intraprendessero altre strade, come quelle che portano all’innovazione, alla programmazione dei macchinari, al disegno e alla progettazione. Sono tante le professioni richieste nel mondo del lavoro, sia nell’automotive che nelle nuove professioni che si stanno creando grazie alla green economy. Nel nostro territorio abbiamo bisogno di operatori specializzati, ingegneri, programmatori, manutentori e assemblatori di macchine automatizzate e robotizzate, impiantisti elettrici e non certo di 'assemblatori di panini'”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In dirittura d'arrivo i lavori per il McDonald’s a Lanciano, Europa Verde Frentania: “Area invivibile con più auto e più cemento"

ChietiToday è in caricamento