Sabato, 13 Luglio 2024
Politica Lanciano

Il Comune di Lanciano aggiorna le tariffe degli impianti sportivi, l'opposizione: “Stangata per società e famiglie”

Adeguamenti dettati anche dagli aumenti dei costi di luce e gas. L'assessore Ranieri: "L'obiettivo è un uso più rispettoso degli impianti, le nuove tariffe saranno monitorate nei prossimi 2 anni"

Tariffe più care per l'utilizzo degli impianti sportivi cittadini, ma anche sconti per le società che hanno squadre a livello giovanile. Cambiano dopo 13 anni, a Lanciano, i costi per allenamenti e gare in palazzetti, campi di calcio e altre strutture sportive comunali.

Una decisione, quella della giunta Paolini, presa “anche in ragione dell’eccezionale aumento dei costi dell’energia elettrica e del gas per riscaldamento”. L'aggiornamento del sistema tariffario, che è fermo al 2010 ed è entrerà in vigore dal prossimo settembre, include anche l’uso extradidattico delle palestre scolastiche.

“A cambiare è soprattutto l'approccio all'uso consapevole e rispettoso degli impianti”, ha spiegato il vice sindaco e assessore allo sport Danilo Ranieri, che ha precisato come “essendo una modifica che interviene dopo tanti anni e che contiene diverse novità, si provvederà a monitorare l'applicazione e gli effetti del nuovo disciplinare nel corso delle prossime due stagioni sportive e nel mentre, verrà elaborata anche una bozza di un nuovo regolamento di utilizzo degli impianti sportivi che, a sua volta, potrà recepire eventuali criticità e integrazioni che dovessero emergere dall’applicazione pratica di tale nuovo disciplinare tariffario”.

Parla di “vera e propria stangata”, invece, il consigliere comunale di Azione, Giacinto Verna: “Non ritocchi alle tariffe ma aumenti vertiginosi. Dopo la stangata Tari, la maggioranza di destra, a trazione Lega, si conferma come il partito delle tasse”.

“Per le società e le associazioni che usufruiscono dell’impiantistica sportiva in città sarà una bruttissima notizia - dichiara Verna - ma a pagare saranno ancora una volta le famiglie che usufruiscono, attraverso le società, degli impianti. Per esempio, i tre campi del palazzetto dello sport ora costeranno dagli 8 a 15 euro (per gli allenamenti). Una gara a carattere nazionale costerà 250 euro con aumento del 31%. Le gare amichevoli sul campo A, a carattere giovanile, costeranno 72 euro mentre quelle a carattere provinciale, regionale, interregionale e nazionale costeranno rispettivamente 99, 126, 162 e 225 euro (aumento del 100%). Stesso aumento del 100% per i campi B e C con tariffe che vanno dai 64 ai 200 euro. Le manifestazioni e gli eventi (non a pagamento) costeranno 70 euro mentre quelle che prevedono ingresso a pagamento schizzano a 110 euro”.

E per chi ama il calcio, raffrontando le tariffe fra l’ex campo Esposito e il nuovo Di Meco, “la tariffa oraria senza illuminazione ora è di 50 euro (+ 35%), con illuminazione 73 euro (+50%). Se poi giochi una partita di giorno devi sborsare 120 euro (+43%). Non ci saremmo aspettati un provvedimento del genere: un ritocco o piccoli aumenti potevano pure starci ma qui si tratta di un salasso e una scelta politica precisa: tassare”, conclude Verna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di Lanciano aggiorna le tariffe degli impianti sportivi, l'opposizione: “Stangata per società e famiglie”
ChietiToday è in caricamento