menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La proposta di Vitale: "Usare il ribasso d'asta per ripristinare l'illuminazione sul viadotto del Tricalle"

Il capogruppo di Obiettivo Provincia pone l'attenzione su un tratto particolarmente pericoloso della transcollinare, dove da tempo non c'è illuminazione

Una mozione, da discutere in consiglio provinciale, per chiedere il ripristino dell'illuminazione pubblica sul viadotto del Tricalle, tratto particolarmente pericoloso proprio a causa del buio. L'ha presentata Emiliano Vitale, capogruppo di Obiettivo Provincia, dopo l'avvio dei lavori sul tratto della trada provinciale Chieti-Francavilla-Chieti Val Pescara che prevede l’adeguamento e la messa in sicurezza della snodo di via Masci.

Il progetto, inizialmente finanziato dalla Regione per 2 milioni e 700mila euro, sarà realizzato con 1 milione e 700mila euro dalla ditta Alpin srl. "La pubblica illuminazione in alcuni tratti - spiega Vitale - sulle rampe di ingresso e di uscita in Zona Tricalle, oltre al tratto del viadotto, non funziona. Considerato che il finanziamento provinciale era inserito in un programma di messa in sicurezza delle strade ad alta pericolosità e all’adeguamento normativo del codice della strada, quale migliore condizione di sicurezza di un'opportuna illuminazione?"

Per questo, Vitale chiede di utilizzare la differenza del ribasso d'asta, poco più di 40mila euro, per l'attivazione della pubblica illuminazione, "che non interferisce minimamente con le strutture in opera presenti".

"Tra l’altro - aggiunge - questo intervento di manutenzione straordinaria potrebbe essere legato all’efficientemente energetico e consentire un risparmio sui consumi, acquistando con Iva agevolata al 10%, sui materiali e sulla manodopera".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento