menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due interrogazioni per far riaprire la biblioteca regionale di via della Liberazione

Le hanno presentate il consigliere regionale Febbo e quello comunale Vitale (Forza Italia), per chiedere chiarezza all'ente proprietario sulle motivazioni della chiusura e sollecitare una riqualificazione

Due interrogazioni, al governatore Luciano D'Alfonso e al sindaco di Chieti Umberto Di Primio, per chiedere di far luce sullo stato del Palazzo dello studente, ossia l'attuale biblioteca regionale di via della Liberazione, chiusa dallo scorso marzo, e il belvedere intitolato a Sergio Ramelli. Le hanno firmate il consigliere regionale Mauro Febbo e quello comunale e provinciale Emiliano Vitale, entrambi di Forza Italia. 

Già qualche settimana fa, Casapound aveva annunciato di voler simbolicamente occupare il belvedere Ramelli, se questo non fosse stato riaperto per l'anniversario della morte del militante del Fronte della Gioventù a cui è intitolato, il 29 aprile.

L'11 marzo scorso, il dipartimento Risorse e organizzazione e servizio gestione e patrimonio immobiliare della Regione ha inviato al Comune una conunicazione sulla verifica della vulnerabilità sismica dell'edificio, effettuata da un tecnico incaricato. Ma Febbo rammenta come quella struttura ospitasse "l'ultima biblioteca del centro cittadino, che oltre alla sua funzione didattica e sociale ricopre da sempre, grazie al suo terrazzo, le famose "mattonelle rosse", il ruolo di punto di aggregazione e di ritrovo per la città di Chieti, un patrimonio che deve essere al più presto riattivato". Per questo, ha presentato un'interrogazione a D'Alfonso, per conoscere "quali sono gli elementi documentali, tecnici e di analisi, della relazione da cui scaturisce la presumibile vulnerabilità sismica e la conseguente chiusura, quali sono le intenzioni in termini temporali, economici e di destinazione dei locali non solo per tre corpi recentemente interdetti ma anche per gli altri due, chiusi già da tempo. Se esiste uno stanziamento per la riqualificazione già previsto e, se si, a quanto ammonta; se si vuole questo ripristinare il servizio bibliotecario regionale; infine qual è il crono programma definitivo per la riapertura di tutto questo storico complesso”.

Un'interrogazione che si aggiunge a quella, presentata al sindaco di Chieti, di Vitale, che non solo sollecita la riapertura della biblioteca, ma propone anche di riconvertirla "per attività che mancano al centro storico cittadino. Troppi i primi servizi amministrativi dismessi nella città di Chieti – aggiunge - da parte di questo Governo regionale. Dopo i trasferimenti di diversi uffici provinciali di competenza, ora regionali, si potrebbe restituire alla città di Chieti parte della sua storica e funzione amministrativa e culturale, riaprendo anche i due corpi storicamente chiusi, preventivamente ristrutturati". Tra le sue proposte quello di far diventare il Palazzo dello studente una sala congressi o per altre attività culturali e associative, di ospitarvi la sede di un assessorato regionale, come quello alla Cultura e al Turismo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento