Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Atessa

La Sevel finisce in Parlamento nell'interrogazione di D'Alfonso (Pd): "Scongiurare la delocalizzazione"

Il senatore sottolinea la "preoccupazione per la crisi di approvvigionamento dei semiconduttori che sta determinando criticità negli stabilimenti"

Un'interrogazione parlamentare per chiedere ai ministri dello Sviluppo Economico e a quello delle Politiche sociali "quali iniziative intendano assumere per scongiurare la delocalizzazione delle grandi imprese e, nello specifico, per evitare il declassamento o la chiusura dello stabilimento della Sevel di Atessa" e "quali iniziative intendano assumere per la stabilizzazione dei circa 700 lavoratori e lavoratrici con contratto di somministrazione, che hanno garantito un essenziale contributo professionale per il raggiungimento dei risultati conseguiti dallo stabilimento".

La presenterà oggi, nella seduta dell'Ottava commissione, il senatore abruzzese del Partito Democratico Luciano D'Alfonso. Nel testo si evidenzia come la Sevel, appartenente al gruppo Stellantis, sia lo stabilimento "più grande d'Europa per quanto riguarda la produzione di veicoli commerciali leggeri e vi si assembla peraltro il furgone Ducato, che è il mezzo più venduto nel continente. Lo stabilimento riveste un'importanza strategica non solo regionale con i suoi circa 6.500 dipendenti di cui oltre 5.670 assunti direttamente e circa 700 operai con un contratto di somministrazione".

Alla luce di questi numeri, sottolinea D'Alfonso, "vi è preoccupazione per la crisi di approvvigionamento dei semiconduttori che sta determinando criticità negli stabilimenti, ma anche consapevolezza che urga un maggiore confronto sui futuri piani industriali e che vi sia la necessità di individuare con precisione una missione produttiva che garantisca l'occupazione e definisca attività più precise". Un problema, prosegue D'Alfonso, "che si inserisce in un contesto più ampio che vede diverse vertenze aperte in Abruzzo".

In una nota il senatore sottolinea come "il mancato approvvigionamento di componenti essenziali per la realizzazione dei veicoli ha comportato per la fabbrica abruzzese ripetuti fermi produttivi, con riduzione dei turni di lavoro e perdita di lavoro per trasfertisti e interinali. L'apertura di uno stabilimento simile da parte di Peugeot in Polonia, prevista per la primavera prossima, potrebbe rappresentare un primo passo verso la marginalizzazione, se non la delocalizzazione, della Sevel".

Per discuterne, il senatore del Pd ha già incontrato il professor Francesco Giavazzi, consigliere economico del presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, per invitarlo a seguire l'istruttoria della proposta di Contratto Istituzionale di Sviluppo (Cis) Val di Sangro.

"Una proposta che, attraverso benefici fiscali e investimenti sulla transizione ecologica, salverebbe il futuro dell'importante polmone economico abruzzese - spiega - Il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli, ha in seguito inviato un accurato dossier al presidente Draghi per illustrare la situazione, sottolineando l'importanza di sostenere il Cis sottoscritto dai Comuni della Val di Sangro e presentato a Governo, Invitalia e Regione Abruzzo per riconvertire, ammodernare e sviluppare il tessuto produttivo sangrino. Da parte del Governo - conclude D'Alfonso - c'è la massima disponibilità e apertura a considerare l'inserimento del Cis Val di Sangro nella prossima Legge di Bilancio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Sevel finisce in Parlamento nell'interrogazione di D'Alfonso (Pd): "Scongiurare la delocalizzazione"

ChietiToday è in caricamento