Marzoli chiede sicurezza per pedoni e automobilisti in via Colonnetta

Il vice presidente della commissione Lavori pubblici chiede conto al sindaco di fondi e tempi per garantire la soluzione di diverse criticità che permangono dopo la frana dell'anno scorso

Il sopralluogo dopo la frana del novembre 2015

Un'interrogazione firmata da Alessandro Marzoli (Pd), vice presidente della II commissione Lavori pubblici, per chiedere conto al sindaco della sicurezza di via Colonnetta, importante strada cittadina che collega lo Scalo al Colle, che esattamente un anno fa rimase interrotta diverse settimane a causa di una frana

"A seguito dei lavori per la messa in sicurezza della zona interessata dalla frana - spiega Marzoli - cresce la nostra preoccupazione su diverse criticità che potrebbero acuirsi con l’avvicinarsi della stagione invernale". 

Nell’interrogazione viene sollevato il problema della sicurezza dell’ isola pedonale posta nello svincolo per la transcollinare a causa di una segnaletica disarcionata ed un palo appuntito posti in mezzo all’aiuola spartitraffico. Inoltre, si fa presente che a causa del deterioramento irreversibile dei marciapiedi, in questo tratto frequentatissimo di strada, centinaia di studenti e cittadini rischiano ogni giorno cadute rovinose.

Il documento termina con tre domande al sindaco Umberto Di Primio: "Quanti sono i fondi disponibili, la tempistica, e le soluzioni programmate per risolvere le criticità evidenziate sul tratto di strada. Se l’amministrazione comunale interverrà con ogni urgenza per ristabilire gli standard di sicurezza dell’incrocio ed il ricollocamento della corretta segnaletica stradale. Se l’amministrazione comunale ha previsto interventi per dare dignità e sicurezza ai pedoni, soprattutto per coloro che sono più anziani o con diversa abilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento