"Una legge per dare identità chiara ai trabocchi", l'interpellanza di Taglieri (5 stelle)

Chiede un tavolo di confronto, con tutte le parti interessate, per tutelare le antiche macchine da pesca caratteristiche della costa chietina

Un'interpellanza per chiedere una legge che dia un'identità comune e organica ai trabocchi, le antiche macchine da pesca caratteristiche della costa chietina. A presenterla è il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Francesco Taglieri, che ha avanzato la richiesta, con carattere di urgenza, "affinché la giunta - spiega - si sensibilizzi, una volta per tutte, su un tema decisivo per lo sviluppo dell'immagine della nostra regione e crei un tavolo di confronto con tutte le parti interessate. L'obiettivo finale dovrà essere quello di arrivare alla stesura di una legge organica sui trabocchi”.

“Oltre alla necessità – prosegue – di fare chiarezza e superare i rimandi a varie leggi regionali, che hanno reso cervellotica la comprensione delle regole attualmente in essere, mi auguro che si faccia chiarezza anche su alcune dichiarazioni dell'assessore Campitelli che sulla stampa ha affermato di 'escludere i trabocchi dalla applicazione della autorizzazione sismica. Fatto che non diminuisce la sicurezza statica delle strutture'. Rimane molto difficile capire come si possa abolire questa valutazione di rischio per strutture originariamente nate come 'macchine da pesca', con un equipaggio di poche persone, che adesso vengono adibite alla ristorazione con un numero di persone che può arrivare fino a 60. Tenere presente solamente la sicurezza statica, in una regione che è seconda per rischio sismico in Italia, può rappresentare un azzardo che sarebbe bene non correre”.

“Allo stato attuale, la verità è che i trabocchi potranno riaprire solamente grazie a un articolo inserito nella legge Cura Abruzzo approvata poche settimane fa, proseguendo col solito modus operandi di aggiungere rimandi e modifiche temporanee che non danno una visione di insieme di un bene culturale straordinario per la nostra regione. Per questo non si può più aspettare per lavorare a un testo organico, che armonizzi i riferimenti regionali con quelli nazionali e tenga di conto delle istanze di ogni soggetto interessato: dai traboccanti alla capitaneria di Porto, dal Demanio ai Beni Culturali, fino alle istituzioni politiche quali Comuni ed ente regionale. Lo sviluppo dell'Abruzzo deve passare anche da scelte come queste, che portino alla promozione di un turismo sostenibile e integrato nell'insieme della Via Verde-Costa dei Trabocchi. Mi auguro che la Giunta Marsilio non abbia intenzione di perdere altro tempo e di farsi sfuggire anche questa opportunità”, conclude Taglieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Lancia sassi alla ex e al nuovo fidanzato e sfonda la porta di casa: 30enne denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento