menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il consigliere Ferrara

Il consigliere Ferrara

Proiezioni cinematografiche in centro: Chieti vuole riaprire i suoi cinema

I consiglieri Ferrara e Raimondi hanno incontrato le associazioni culturali, per imbastire un progetto che mira, nel lungo periodo, a riaprire le storiche sale Eden e Supercinema

Dopo aver presentato una mozione per la riapertura alle proiezioni cinematografiche del Supercinema, approvata lo scorso maggio, ma finora rimasta disattesa, il consigliere comunale Diego Ferrara, insieme al capogruppo de L'Altra Chieti Enrico Raimondi, giovedì scorso ha convocato i rappresentanti di alcune associazioni culturali teatine, per discutere insieme della possibilità di riavviare una tradizione cinematografica in città. 

Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti delle associazioni Aelma, Sacro e profano, Noi del G.B. Vico, Consorzio Chieti C'entro. L'incontro informale ha chiarito alcune criticità di carattere prevalentemente economico per il progetto Supercinema, acceso la curiosità sull'ex cinema Eden e gettato le basi operative per rassegne cinematografiche tematiche e d'essai.

In particolare, si è discusso della messa a norma degli impianti elettrico e di condizionamento, dell'acquisto di una cinepresa digitale e del restyling della sala, giungendo alla conclusione che, associate ai costi di gestione, renderebbero l'utilizzo del Supercinema se non impossibile, quanto meno oneroso, soprattutto in questo momento difficilissimo per le finanze del Comune. 

L'attenzione si è poi concentrata sul locale che ospitava il cinema Eden in via Cesare de Lollis, di proprietà comunale, che potrebbe essere riadattato a sala cinematografica con oneri finanziari che i consiglieri Ferrara e Raimondi si sono impegnati a verificare nelle opportune sedi e uffici comunali. 

Dal dibattito tra i rappresentanti di una parte della società civile della città, è emersa la necessità di attivarsi velocemente, per dare un segnale di vitalità, interesse, orgoglio e appartenenza alla comunità. 

Pertanto, si è deciso di “aprire la strada” con la creazione di rassegne cinematografiche avvalendosi dell'esperienza di un'associazione come Aelma, già operante sul territorio con iniziative del genere. 

Al momento, il progetto ancora agli albori: si cerca un un luogo istituzionale che, in attesa della soluzione dei problemi logistici ed economici riguardanti il Supercinema e l'Eden, possa ospitare in modo continuativo queste rassegne di film di qualità e riportare gli abitanti di Chieti e forse anche delle città limitrofe, a riscoprire e godere della cultura del cinema.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento