menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore regionale alla Salute Nicoletta Verì

L'assessore regionale alla Salute Nicoletta Verì

Inchiesta Cardiochirurgia, l'assessore Verì chiede cautela: "No alle strumentalizzazioni"

Invito alle forze dell'ordine ad abbassare i toni sull'indagine nata per le assenze dei medici: "I contorni sono ancora tutti da chiarire"

Frena le reazioni di questi giorni e chiede "cautela" l'assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, in merito all'indagine della procura di Chieti sulla Cardiochirurgia dell'ospedale Santissima Annunziata. Nel reparto del policlinico, il mese scorso, erano stati segnalati vari disservizi, a causa dell'assenza per malattia di numerosi medici contemporaneamente.

L'esponente della giunta Marsilio esprime "massima fiducia nell’operato della magistratura", ma tenta di abbassare i toni, rivolgendo "un accorato invito alle forze politiche a mantenere un’adeguata cautela e a non strumentalizzare una vicenda i cui contorni sono ancora tutti da chiarire”.

“Da parte dell’assessorato e dagli uffici del dipartimento – aggiunge l'assessore Verì – c’è massima disponibilità a collaborare con gli inquirenti per quanto di competenza, così come sono certa che lo stesso stanno facendo i vertici della Asl Lanciano-Vasto-Chieti. Sulle difficoltà operative e gestionali del reparto – prosegue – mi sono già sentita con il direttore generale Thomas Schael, che sta già intervenendo e che sono certa saprà adottare tutti i provvedimenti necessari a superare le criticità dell’unità operativa”.

Intanto, la consigliera regionale del Movimento 5 stelle, Barbara Stella, che già nei mesi scorsi aveva sollevato il caso Cardiochirurgia, ha presentato una nuova interpellanza per chiedere alla Regione "quali azioni vuole intraprendere per garantire un servizio sanitario all’altezza”.

“Ho sentito spesso parlare della presenza di contrasti interni tra i medici del reparto - commenta Stella - e questo non può essere accettato: la professionalità è alla base del rapporto fiduciario medico-paziente che è di fondamentale importanza per il benessere psicofisico sia degli operatori medici sia dei pazienti stessi. Per questo, vorrei che l’assessore Verì prenda come impegno un’analisi approfondita della questione affinché possa riportare a tutti i cittadini abruzzesi un reparto di Cardiochirurgia al massimo della funzionalità, all’interno dell’Asl teatina, come esempio virtuoso di eccellenza sanitaria”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento