rotate-mobile
Politica

Il Centro ceduto, Di Stefano: "Il conflitto d'interessi valeva solo per Berlusconi?"

Il deputato di Fi commenta l'acquisizione del quotidiano da parte del gruppo che fa capo all'imprenditore della sanità abruzzese Luigi Pierangeli

Mentre i giornalisti del quotidiano il Centro hanno proclamato due giornate di sciopero dopo la comunicazione del Gruppo Espresso dell'avvenuta cessione della testata abruzzese al gruppo che fa capo agli imprenditori Luigi Pierangeli, Cristiano Artoni, Alberto Leonardis e Luigi Palmerini arrivano le prime frecciate dalla politica.

"Sapere che il presidente del maggior gruppo della sanità abruzzese, oltre ad essere proprietario della più diffusa tv privata locale, acquisice anche la proprietà del maggior quotidiano della nostra regione, mi lascia perplesso" dice l'onorevole di Forza Italia, Fabrzio Di Stefano, che aggiunge: "Non ho nulla contro la sanità privata e men che meno contro il gruppo specifico ma, quando leggo poi che il Presidente della Regione Abruzzo è "profondamente contento" di ciò , resto sconcertato: ma il conflitto d'interessi valeva solo per Berlusconi?

Se poi ricordo che questa Regione, a guida centrosinistra sta facendo scelte scellerate sulla sanità , che penalizzano fortemente il pubblico lasciando intonsa la sanità privata, a cui vengono fatte grosse concessioni, allora mi preoccupo non poco. Che la sinistra fosse questa lo sapevo ma che perfino i sindacati fossero scomparsi in Abruzzo mi lascia senza parole". 

Il Centro è stato venduto a una cordata di imprenditori, tra cui Luigi Pierangeli, che è anche editore dell'emittente regionale Rete8 e proprietario di cliniche private. La nuova proprietà sarà effettiva dal primo novembre.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Centro ceduto, Di Stefano: "Il conflitto d'interessi valeva solo per Berlusconi?"

ChietiToday è in caricamento