IdeAbruzzo dice no al nuovo ospedale fra Chieti e Pescara

Il vicepresidente Di Felice critica la Regione, accusandola di spoliazione e di voler spendere milioni di euro per nuove strutture senza sanare le mancanze di quelle già esistenti. Per lui servirebbero una messa a regime della diagnostica 24 ore su 24 e un rapido smaltimento delle liste di attesa

Carlo Di Felice

Ancora una volta si continua a proporre il prosieguo della spoliazione di Chieti. Ancora una volta politici teatini e del territorio ascoltano e non proferiscono parola. Rimangono inermi perché intenti a curare i propri rapporti. Specialmente in questi momenti pre-elettorali”. È la dura accusa di Carlo Di Felice, vice presidente di IdeAbruzzo, in merito all’annuncio del presidente D’Alfonso di realizzare un nuovo ospedale a metà strada fra Chieti e Pescara.

“L’infelice battuta di due giorni fa del presidente D'Alfonso sulla “striscia di Gaza” entro cui includere il ventilato ospedale a servizio del territorio che comprende Chieti e Pescara – incalza - è una di quelle che nelle trasmissioni televisive viene sottolineata da una musichetta sguaiata e in chi ascolta suscita risolini e occhiatine imbarazzate ed imbarazzanti.  

“Questa politica dell'annuncio e del sensazionalismo, unita alla politica del ”farsi i fatti politici propri”, invece di affrontare con realismo i problemi, cerca di creare chimere ed attese per coprire le proprie mancanze”.

Di Felice critica in particolare l’idea di spendere milioni di euro “sempre per costruire nuove strutture e non destinandoli per completare il necessario continuo aggiornamento ed efficientamento di quanto già presente e sottoutilizzato in termini di tecnologia, attrezzature e personale oltre che di strutture”.

Secondo il vicepresidente di IdeAbruzzo, la Regione dovrebbe puntare piuttosto “ad una messa a regime, come in altre regioni, dell’operatività h24 della diagnostica per migliorare e ridurre le liste di attesa”. E critica D’Alfonso che non avrebbe prospettato questa opzione durante la campagna elettorale per le regionali dell’anno scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo bisogno, e non solo a Chieti – continua - di ottimizzare i servizi, rendere operativi gli ospedali h24, migliorare l'operatività dei pronto soccorso, mettere in atto tutte le azioni che abbattano le liste di attesa e contemporaneamente tengano conto delle priorità diagnostiche, abbiamo bisogno di investire su tecnologia e personale, sull'assistenza territoriale, l'assistenza agli anziani, l'assistenza ai disabili e la riabilitazione. Per non parlare della cronica carenza di personale e delle condizioni in cui il personale troppo spesso è costretto ad operare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro nuovi corsi di laurea all’università “d’Annunzio”

  • Muore a 15 anni dopo lo schianto con lo scooter: terribile lutto a San Giovanni Teatino

  • Incidente al Foro a Francavilla: tre vetture coinvolte, due feriti

  • Coronavirus: ci sono altri 39 positivi, la maggior parte sono migranti ospitati in Abruzzo

  • Applausi per Salvini, che scherza: "Ma qui si elegge il presidente della Repubblica?". Polemiche per gli assembramenti

  • Tre dipendenti sono positivi al Coronavirus, locale di Fossacesia Marina chiuso per la sanificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento