Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Marcozzi contro Marsilio sul green pass: "Basta propaganda"

La capogruppo del Movimento 5 stelle in consiglio regionale si scaglia contro il presidente della Regione, secondo cui la certificazione genera "conflittualità sociale"

"Più che dall'adozione del green pass, sembra che la conflittualità sociale venga alimentata ad arte dalla quotidiana propaganda di Fratelli d'Italia, con il presidente che sfrutta il proprio ruolo in Abruzzo alla stregua di un megafono per amplificare il messaggio del suo partito e del suo capo politico”. È l'accusa della capogruppo del Movimento 5 stelle in Regione Abruzzo Sara Marcozzi dopo le dichiarazioni del presidente Marco Marsilio sul green pass.

“Si porta avanti la solita prassi del giocare al rialzo su ogni proposta del Governo. Un modo per criticare sempre e comunque - incalza - senza mai offrire una soluzione ai problemi dei cittadini. Così, davanti alle modalità di utilizzo green pass, si rilancia con l'opzione dell'obbligo vaccinale, con tutti i conseguenti rischi verso quelle persone che hanno ancora resistenza nei confronti dei vaccini e che devono essere convinte attraverso le evidenze scientifiche. Ad ogni modo, se Marsilio ha una soluzione migliore di quelle proposte dal Governo, la porti al tavolo della conferenza Stato-Regioni. È troppo facile fare continuamente propaganda con queste dichiarazioni spot quando si siede sulla poltrona di presidente di Regione. Nel frattempo potrebbe limitarsi a fare meglio il proprio dovere e, ad esempio, spiegare perché gli aiuti economici alle piccole e medie imprese abruzzesi sono bloccati da mesi nei cassetti della Regione. Dal momento che si riempie la bocca di dichiarazioni sul tema lavoro, inizi da qui a dare spiegazioni. Gli abruzzesi - conclude Marcozzi - meritano un presidente che li rappresenti in ogni sede, non un qualsiasi esponente di partito". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcozzi contro Marsilio sul green pass: "Basta propaganda"

ChietiToday è in caricamento