menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di archivio

immagine di archivio

La giunta Ferrara dice sì al piano di riequilibrio: “Il debito è arrivato a 78.327.024,84 euro”

"Fotografa i conti dell’ente e prima d'ora non si registrano tentativi per affrontare la situazione". Giovedì il piano sarà sottoposto all'approvazione del consiglio comunale

Sì della giunta al piano di riequilibrio finanziario pluriennale del Comune di Chieti, che giovedì 22 aprile sarà sottoposto all'approvazione del consiglio Comunale.

"È una fotografia della situazione economica e finanziaria che abbiamo trovato, che traduce in cifre i debiti dell'Ente che abbiamo cominciato ad accertare non appena ci siamo insediati - così il sindaco Diego Ferrara e la giunta - Un'attività condotta insieme alla struttura amministrativa che ha visto crescere, progressivamente al lavoro di accertamento, le cifre riportate nel piano. Oggi abbiamo una massa passiva accertata pari a 78.327.024,84 euro, di cui 47.083584,40 euro rappresentano il disavanzo di amministrazione anno 2019; ammonta a 10.240.927,65, invece, la revisione straordinaria dei residui attivi e passivi; 19.589.227,16 euro derivano dal contenzioso legale; 670.328,22 sono altri debiti fuori bilancio e 742.957,41 euro altri accantonamenti. Ebbene queste sono le cifre, sono numeri che parlano da soli e raccontano di un debito cresciuto di anno in anno e della mancanza di qualsiasi azione di ripianamento, fino a oggi".

Un piano di riequilibrio necessario, come specifica il sindaco e “non una scelta politica o, peggio, irresponsabile, come chi ha governato prima di noi tenta di far passare. La possibilità offerta dall'azione di riequilibrio è quella di aprire una strada al tentativo di traghettare la città verso il risanamento dei conti, passi che consentiranno a Chieti di recuperare programmazione, vita e lo sviluppo mancato in tutti questi anni”.

Le misure adottate nel piano vedono un drastico contenimento della spesa, che va per gradi, ma sarà costante “attraverso lo spacchettamento dei contenziosi e la necessaria rimodulazione delle tariffe, che essendo già alte abbiamo contenuto, con l'intento di intaccare il meno possibile soprattutto sulle famiglie e sui contribuenti più vulnerabili, il piano si propone di recuperare parte del passivo: con la rimodulazione dell'Imu il Comune potrà recuperare 1.408.935,21 euro l'anno; dal canone unico patrimoniale 410.354,38 euro: dai parcheggi 141.894 euro; dagli impianti sportivi 40.000 euro; dalla refezione scolastica 100.000  euro; dai diritti di segreteria e urbanistica 65.300 euro e dagli oneri di urbanizzazione 29.707,50; dal programma delle alienazioni degli immobili comunali si prevede, invece, di introitare oltre 10 milioni di euro nel triennio 2021/2023, anche accentuando l'azione di recupero dei crediti tributari pregressi, azione che condurremo tenendo bene a mente la situazione economica post pandemica venendo incontro ai contribuenti nei modi possibili e consentiti”.

Domani mattina, intanto, in Comune si svolgerà una conferenza stampa dedicata alla situazione economica e finanziaria e al riequilibrio dei conti. Ci saranno il sindaco Diego Ferrara, il presidente del Consiglio comunale Luigi Febo, i capigruppo di maggioranza del Pd, Chieti per Chieti, Chi ama Chieti, Chieti c’è, Movimento 5 Stelle, La sinistra con Diego, Lista Ferrara sindaco, Azione Politica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: oggi 196 nuovi positivi e 441 guariti in Abruzzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento