rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica Centro Storico

Giù le mani dalla Costituzione": il MeetUp Amici di Beppe Grillo Chieti scende in piazza

Il MeetUp Amici di Beppe Grillo Chieti nelle mattine del 6, 7 e 8 settembre in Piazza G.B. Vico e lungo Corso Marrucino incontrerà la cittadinanza per spiegare le ragioni e l’importanza del dissenso alla modifica dell’art. 138

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Spiegare il perché del NO alla modifica dell’art. 138 della Costituzione è semplice: l’art. 138 è la prima tessera del domino: quella che, se cade, cadono tutte le altre di seguito. E’ quell’articolo della Costituzione italiana che stabilisce la procedura c.d. “aggravata” per la modifica della stessa Carta Costituzionale, per l’emanazione, dunque, di leggi di revisione costituzionale e di leggi costituzionali.

Tale procedura aggravata, che ricordiamo prevede una doppia approvazione da parte delle due Camere e, eventualmente, anche un referendum popolare, oggi PDL, PD-L e la vecchia politica in generale tentano di spacciarla come una limitazione al principio di sovranità popolare e come una limitazione al “FARE” riforme tanto sbandierato. Niente di più falso. I limiti che l’art. 138 prevede sono stati voluti dai padri costituenti poiché costituiscono la garanzia della tutela dei valori in essa contenuti, dei diritti in essa enunciati e degli interessi della minoranza.

La costituzione racchiude quelle regole e quei principi che appartengono a tutti (democrazia, diritto al lavoro e a un’istruzione adeguata, sovranità popolare, uguaglianza (anche dinanzi alla legge!), libertà personale, religiosa, sessuale, tutela delle minoranze, libertà di associazione, di espressione, di manifestazione del dissenso, ripudio della guerra… solo per citarne qualcuno!) che, in considerazione di ciò, non possono e non devono poter essere modificati per mezzo di una legge ordinaria alla mercè della maggioranza di turno. L’eliminazione della procedura aggravata consentirebbe alla maggioranza al potere la possibilità di modificare a proprio piacimento il testo costituzionale fino a giungere, alla verosimile ipotesi, della “dittatoriale egemonia della maggioranza al potere”. Troppo spesso abbiamo assistito all’emanazione di leggi ad personam, siano esse rivolte nei confronti di un singolo o di gruppi di interesse. Oggi l’art. 138 viene messo in discussione con il pretesto della “semplificazione”.

Quello che sentiamo dire in questi giorni, infatti, è che rendere più agevolmente modificabile la Costituzione finalmente “aprirebbe la stagione delle riforme per la rinascita del Paese, dell’economia, del lavoro ecc.”. Falso! Le modifiche alla Costituzione non ci porteranno mai ad avere una classe dirigente che finalmente si occupa del suo popolo e della propria nazione invece che dei propri interessi ma, al contrario, agevoleranno la stessa nell’uso e abuso delle norme per il perseguimento dei propri fini, dei fini dei gruppi di interesse, delle lobbies e dei “potenti” in generale.

Il MeetUp Amici di Beppe Grillo Chieti, raccoglie l’invito del MoVimento 5 Stelle e nelle mattine del 6, 7 e 8 settembre in Piazza G.B. Vico e lungo Corso Marrucino incontrerà la cittadinanza per spiegare le ragioni e l’importanza del dissenso alla modifica dell’art. 138.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giù le mani dalla Costituzione": il MeetUp Amici di Beppe Grillo Chieti scende in piazza

ChietiToday è in caricamento