Gissi intitola il Corso a Remo Gaspari. Ed è polemica

E' polemica dopo che il sindaco Nicola Marisi ha annunciato che il paese natale di Gaspari gli intitolerà il Corso principale e gli dedicherà una statua

"Zio Remo" continua a far parlare di sè anche dopo la sua scomparsa, avvenuta due anni fa. E' infatti polemica dopo che il sindaco di Gissi, Nicola Marisi, ha annunciato che il paese natale di Remo Gaspari gli intitolerà il Corso principale (oggi Corso Vittorio Emanuele II) e gli dedicherà una statua. Una celebrazione in grande stile, che sarà sublimata con un evento solenne previsto domenica alle 11.

L’ex ministro risiedeva proprio in Corso Vittorio Emanuele, e l'idea di modificare la denominazione di questa strada non ha trovato tutti concordi. I commercianti lamentano che dovranno cambiare i riferimenti logistici dei propri negozi, ma la critica più aspra è venuta da Franco Falcone, ex primo cittadino di Gissi, che ha addirittura inviato una diffida per chiedere la revoca della delibera di Giunta che stabilisce la trasformazione di Corso Vittorio Emanuele in Corso Remo Gaspari.

Il motivo? Mancano “le necessarie autorizzazioni procedurali normativamente richieste”, e come se non bastasse ci sono “ragioni eminentemente socio-politiche e morali che rendono la scelta amministrativa destituita di ogni fondamento etico e meritocratico alla stregua dei requisiti imposti dalla legge”.

Falcone non va per il sottile e definisce Gaspari “una figura politica controversa”, ricordando che l'esponente democristiano aveva anche, in un certo senso, rinnegato le sue origini: “Gaspari, in ambito editoriale, ebbe a definire la Comunità gissana come «un paese di morti di fame», aggiungendo che «quando sono tornato a Gissi ho percepito che la gente non mi voleva più»”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Polemiche a parte, a quanto pare la cerimonia si terrà ugualmente. E sarà presente un parterre d'eccezione: interverranno, infatti, il governatore Gianni Chiodi, il sottosegretario Giovanni Legnini, il presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio e il figlio di Remo Gaspari, Lucio, candidatosi senza successo alle ultime elezioni. Nel nome del padre, ovviamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Coronavirus: 58 nuovi casi in Abruzzo, 21 in meno rispetto a ieri

  • Scontro auto-tir in via Aterno, 40enne in gravi condizioni

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento